Top 3 del gin: i tre intramontabili trittici (ci piacciono le allitterazioni)

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Una top 3 del gin davvero unica: alcune delle migliori gamme di gin che hanno conquistato la redazione de ilGin.it per la loro qualità e originalità

Questa top 3 del gin è molto particolare perché include solo gamme di prodotti. Le gamme che meritano un posto in classifica sono molte, ma ho scelto le tre composte da tre gin che mi hanno colpita particolarmente e che, da quando gli ho assaggiati, continuo a degustare regolarmente. Enjoy and God Save the Gin!

I nostri tre intramontabili trittici

Saint George

Il creatore di questa gamma di gin americani è Lance Winters, che di mestiere faceva l’ingegnere nucleare e il brewer per passione. Si è unito alla St. George Spirits nel 1996 e poi ne è diventato il master distiller. Nel 2011 ha lanciato contemporaneamente tre gin perché uno solo non era sufficiente ad esprimere tutto il suo amore per questo distillato! Il trittico intramontabile di Lance Winters è costituito da:

Saint George Botanivore Gin: Molte note bilanciate perfettamente emergono in questo gin, ottimo per i Gin Tonic, ma quelli che colpiscono di più sono i sentori erbacei e floreali che fanno sì che il Botanivore ricordi un prato in fiore, fresco e profumato come la primavera.

Leggi la recensione su ilGin.it

Saint George Terroir Gin: Se il Botanivore ricorda un prato, il Terroir ricorda una foresta, con forti aromi legnosi ed erbacei dati dalle botaniche e dai semi di coriandolo arrostiti nel wok che il tredicenne Lance si fece regalare per il suo compleanno (era un ragazzino peculiare).

Leggi la recensione su ilGin.it

Saint George Dry Rye Gin: Solo sei botaniche donano le loro essenze a questo gin, dove le note agrumate e speziate vengono dominate da quelle del ginepro, ma soprattutto dall’incredibile gusto maltato della base di segale, che rende il Dry Rye una via di mezzo fra genever e whisky.

Leggi la recensione su ilGin.it

Botanivore su GinShop   Terroir su GinShop   Dry Rye su GinShop

La gamma St. George Gin: Botanivore, Terroir e Dry Rye

La gamma St. George Gin: Botanivore, Terroir e Dry Rye

No. 209 Barrel Reserve Gin

No. 209 è già di per sé un ottimo dry gin, col suo gusto agrumato che lascia poi spazio alle note floreali, ma se non avete mai provato le sue versioni invecchiate in botti di vino non sapete cosa vi state perdendo! Se siete barman potete creare miscelazioni incredibili con questi tre gin e tutti possono apprezzarli bevuti lisci, vi lasceranno sbalorditi. Il trittico No. 209 Barrel Reserve comprende:

No. 209 Sauvignon Blanc: Un profumo incredibile, ma soprattutto un sapore unico dato dall’invecchiamento in barili di Sauvignon Blanc che persistono nel lungo finale assieme alle note speziate e a quelle floreali più una nota di cioccolato data dal legno delle botti.

No. 209 Chardonnay: Già al naso delizia con note erbacee e note di caramello date dai barili di Chardonnay, ma al palato è davvero unico. Appare dolce all’inizio, ma subito emergono le note di agrumi e spezie e note balsamiche, che nel lungo finale lasciano spazio alle forti note date dal legno di quercia.

No. 209 Cabernet Sauvignon: Le note dolci e speziate colpiscono naso e palato e il gusto pieno con sentori di vino rosso è meraviglioso. Nel finale sorprendentemente speziato emergono le note di cioccolato date dai barili di Cabernet Sauvignon, chiudendo perfettamente la degustazione.

Leggi la recensione su ilGin.it

No. 209 Sauvignon Blanc su GinShop   No. 209 Chardonnay su GinShop   No. 209 Cabernet Sauvignon su GinShop

La gamma No. 209 Barrel Reserve: Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Sauvignon Blanc

La gamma No. 209 Barrel Reserve: Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Sauvignon Blanc

Gin Lane 1751

Questa gamma di gin si ispira all’epoca vittoriana ed è prodotta con metodi tradizionali del XVIII secolo da Charles Maxwell, alla Thames Distillery di Londra. In realtà più che di un trittico si tratta di una quadrilogia, ma la versione London Dry Royal Strength è uguale a quella London Dry ma con una gradazione del 47% in modo che i sapori più intensi risaltino maggiormente in miscelazione. Gli altri tre Gin Lane 1751 sono:

Gin Lane 1751 London Dry Gin: Un London Dry davvero classico, corposo, dove a predominare è decisamente il ginepro, sia al naso sia al palato, ma ben bilanciato da un tocco di liquirizia e dalle fresche note degli agrumi. Da avere in bottigliera!

Gin Lane 1751 Victoria Pink Gin: Viene infuso con bitter aromatizzati che lo rendono un poco più amaro e speziato, ma anche rinfrescante e floreale. Si ispira alla tradizione creata dalla British Royal Navy di mischiare i bitter al gin per combattere il mal di mare.

Gin Lane 1751 Old Tom Gin: Un Old Tom tradizionale, più dolce del London Dry, ma comunque secco, e dalla consistenza più vellutata e dal sapore delicato. La leggera dolcezza è data dalla maggiore quantità di anice stellato e dallo zucchero di canna 100%.

Leggi la recensione su ilGin.it

Gin Lane 1751 London Dry Gin su GinShop   Gin Lane 1751 Old Tom Gin su GinShop

La gamma Gin Lane 1751: London Dry, Royal Strength, Victorian Pink Gin e Old Tom

La gamma Gin Lane 1751: London Dry, Royal Strength, Victorian Pink Gin e Old Tom

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

c7c81433d3da24c3009f277ba80e390b88888888888888888888888888888888