10 tipi di Gin Lover: dimmi come bevi e ti dirò chi sei

10 tipi di Gin Lover: dimmi come bevi e ti dirò chi sei

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Il bevitore abituale di gin lo riconosci alla prima ordinazione al bar: Gin Tonic o Martini? “Faccia lei” o “io lo faccio meglio”?

Di Gin Lady ce n’è una sola, ma tutti gli altri possono essere Gin Lover! Anzi, è bene che lo siano e che il popolo del gin cresca di giorno in giorno. A forza di vederne passare al The Gin Corner, mi sono fatta un’idea su come classificare i nostri avventori. E voi in quale vi riconoscete?

Dimmi come bevi e ti dirò chi sei…

1. I sommelier del Gin: gintonisti convinti, sono consapevoli che è solo con l’abbinamento tonica che possono apprezzare le botaniche del gin che stanno bevendo. Quasi sempre si siedono al bancone e annusano bottiglie come fossero amaroni, fino a scegliere, a naso, quella che andrà nel loro bicchiere, che successivamente sarà roteato tipo luna park per i minuti sufficienti a far “aprire” il gin.

2. I James Bond da bancone: solo Martini per loro, “shaken not stirred”, naturalmente. Sono sempre vestiti e pettinati in maniera impeccabile e non disdegnano la compagnia di una bella signora altrettanto ben equipaggiata. Attenzione, se non c’è l’oliva d’ordinanza il novello James Bond potrebbe tirare fuori la leggendaria Walther PPK “con silenziatore Brausch”.

3. I seguaci del conte Camillo: noblesse oblige, se ti piace il rosso e giri con la cappa al posto del cappotto non puoi che ordinare un Negroni, rievocando lo spirito del conte Camillo attraverso il mix. E ovviamente, per seguirne pedissequamente le orme, non possono che ordinarne un altro, un altro e un altro ancora…

4. I gin-social-addicted: guai a fare un sorso se prima non si è adeguatamente fotografato e socializzato il drink che si sta per sorseggiare, anche a costo di far sciogliere tutto il ghiaccio. Per loro è fondamentale che il drink sia fotogenico più che buono, quindi una volta individuati è buon uso abbondare con i garnish.

5. Gli “io-lo-faccio-meglio”: sono i più difficili da accontentare. Spesso sono addetti ai lavori, ma altrettanto spesso sono solo appassionati che si sono riempiti la credenza della nonna di gin. Sono i degni discendenti della stessa, che seduta al ristorante usava affermare: “Come si mangia a casa mia…”.

6. I neofiti curiosi: si siede immancabilmente al bancone e si lascia guidare e consigliare dal bartender. Per questo è il preferito da quest’ultimo, che trova pane per i suoi denti. Meglio ancora se il curioso in questione è di sesso opposto e single. In quel caso, oltre a sfoggiare la sua cultura da bancone, il bartender potrà anche cercare di far colpo.

7. I “sono capitato qui per caso”: di fatto non è un gin lover e solitamente è una causa persa. Ordinerà probabilmente un bicchiere di vino o spesso uno Spritz, nonostante la bottigliera piena di oltre cento gin gridi, “scegli me, scegli me”. Facilmente arriva al bar al traino di altri amici, che pure cercheranno di convincerlo a scegliere un Gin Tonic, ma a loro risponderà che non gli/le piace, pur non avendolo mai assaggiato.

8. Gli stressati da bar: arriva specialmente il venerdì sera e non vuol vedere altro che un bicchiere pieno di un qualsiasi drink a base alcolica. Poco importa se dentro ci sia Gin Tonic, Martini o Negroni o un qualsiasi altro cocktail, sono troppo stanchi per farci caso. Intimamente preferirebbero stare sul divano, ma gli è rimasto un barlume di socialità e preferiscono berci su.

9. Gli aperitivisti affamati: puoi avere anche 500 gin in bottigliera, ma per loro l’esperienza più che dal gin o dalla tonica passerà dal buffet dell’aperitivo e soprattutto dalla sua abbondanza. Sono quelli che si prefiggono l’obiettivo di far cena al prezzo di un cocktail e ci rimangono male se non c’è la pizzetta decongelata, il vero e proprio confort food per loro.

10. I nostri amici Gin Lover e i lettori di The Gin Lady: se ami il gin come noi, se sei a Roma e non ti perdi un passaggio al The Gin Corner (come anche gli altri gin bar sparsi per l’Italia), se leggi le pagine di The Gin Lady… sei l’uomo o la donna giusto/a per noi! Siamo qui al vostro servizio e speriamo che la vostra Gin experience sia sempre ancora migliore della precedente.

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

7954e75b7aef0546ab41837fda19d9adEEEEEEEEEEEEE