Amaro Montenegro, Boodles Gin e bere cocktail volando

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Cosa accomuna Amaro Montenegro, Boodles Gin e un aperitivo nel cielo? Noi lo abbiamo scoperto partecipando a “Be the Vero Bartender – the Experience”

Bologna, 27 giugno 2016, un altro giorno di ordinaria follia per la redazione de ilGin.it, che questo lunedì ha partecipato all’evento di Amaro MontenegroBe the Vero Bartender – The Experience“. Il Gruppo Montenegro ha infatti aperto le porte dello stabilimento produttivo di San Lazzaro di Savena mettendo a disposizione le conoscenze e l’esperienza dei suoi esperti per raccontare i segreti di Amaro Montenegro e del Sapore Vero che lo contraddistingue.

Boodles Gin ha un nuovo distributore italiano: Gruppo Montenegro

Boodles British Gin

Boodles British Gin

Nel corso della Experience il noto mixologist Giuseppe Gallo e l’herbalist di Amaro Montenegro Matteo Bonoli hanno svelato in parte la segretissima ricetta dell’amaro creata nel 1885 dal liquorista bolognese Stanislao Cobianchi. Ma questo non è l’unico segreto che abbiamo scoperto durante la giornata: avevamo promesso di non svelarlo prima che uscisse la notizia ufficiale e ora è giunto il momento! Gruppo Montenegro ha firmato un accordo per la distribuzione in esclusiva in Italia del range di prodotti di Jose Cuervo, fra i quali figura Boodles British Gin.

Nel corso della masterclass dedicata ai bartender per l’utilizzo di Amaro Montenegro anche come ingrediente per i cocktail, infatti, sono stati proposti tre drink di cui uno è il Montenegroni, servito proprio con il Boodle Gin. Ecco la ricetta:

  • 3cl Amaro montenegro
  • 2.5cl Vermouth Rosso
  • 2cl Boodles Gin
  • 2 gocce di angostura
  • Scorza d’arancia

Preparazione: versare l’Amaro Montenegro, il vermouth rosso, l’angostura e il gin in un bicchiere. Aggiungere il ghiaccio e miscelare con un cucchiaio. Decorare con la scorza d’arancia.

I cocktail sono stati presentati davanti alla platea da Rudi Carraro, il nuovo UK Brand Ambassador di Amaro Montenegro, precedentemente senior bartender dell’Artesian di Londra e vincitore di numerosi riconoscimenti internazionali.

Ma le sorprese della giornata non finiscono qui. Ci trasferiamo tutti al Parco di Villa Angeletti, vicino al centro di Bologna e qui scopriamo quello che Montenegro aveva tenuto in serbo per noi. Eccola che ci aspetta, la piattaforma di Dinner in the Sky, pronta a trasportarci a 130 piedi d’altezza. 130 come gli anni che nel 2015 ha compiuto Amaro Montenegro ed equivalenti a circa 40 metri. Se vi sembrano pochi vi sbagliate.

Sospesi nel cielo, dominando l’intera città, abbiamo mangiato e bevuto un aperitivo leggero a base di Amaro Montenegro e soda preparato da Giuseppe Gallo e da Rudi Carraro. Un’esperienza incredibile che ancora, se ci penso, mi mette la tremarella, ma ne è valsa la pena!

Matteo Bonoli e Giuseppe Gallo durante la masterclass di Amaro Montenegro, bologna 27 giugno 2016

Matteo Bonoli e Giuseppe Gallo durante la masterclass di Amaro Montenegro

Io e il fondatore de ilGin.it mentre ci accingiamo a salire sulla piattaforma assieme agli altri ospiti di Amaro Montenegro

Grazie ad Amaro Montenegro per averci fatto volare. Vi auguriamo che l’iniziativa per coinvolgere i bartender continui ad essere un grande successo e che anche Boodles Gin conquisti l’Italia.

Enjoy and God Save the Gin!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

e728194486888317a50095cf1c5615a1RRRRRRRRRRR