facebook_pixel

Come fare il gin a casa, facilissimo!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

come-fare-il-gin-a-casa

Non è difficile scoprire come fare a casa il gin: ecco alcune semplici istruzioni per creare il proprio gin personalizzato!

Come fare il gin in casa? Non è complicato, anzi, è stato fatto per secoli. Ovviamente non è possibile distillarlo senza un alambicco, ma creare il proprio spirito che possa essere chiamato “gin” è possibile. Il gin in sé è qualcosa di incredibilmente semplice, nonostante la grande cultura che vi è dietro sia complessa. Per definizione il gin infatti è uno spirito neutro di base aromatizzato con alcune botaniche (non scandalizzatevi, ma è lecito dire che si tratta di vodka con un extra). L’unica restrizione è che il ginepro deve essere la botanica dominante e la gradazione deve essere di almeno 37,5% ABV.

In generale i gin che trovi in commercio sono fatti estraendo le essenze delle botaniche tramite la distillazione, ma è possibile creare un gin semplicemente immergendo le botaniche nello spirito base, cosa che puoi tranquillamente fare a casa utilizzando la vodka. Questa procedura ha addirittura un nome tecnico, “compound gin”, comunemente detto “bathtub gin”.

Per definizione il gin è uno spirito neutro aromatizzato con botaniche

Erbe e spezie

Erbe e spezie

Ora ti spieghiamo come funziona questa tecnica, poi potrai provare e vedrai che è facile, divertente (e legale). Non ti preoccupare se il tuo gin risulterà di colore giallo o arancione, dipende dalle botaniche che usi e dalla mancanza del processo finale di distillazione. La colorazione non è pericolosa e non compromette il sapore, però se proprio ci tieni ad ottenere un liquido più chiaro puoi farlo passare alcune volte attraverso quelle caraffe dell’acqua con il filtro.

Oltre al ginepro puoi utilizzare le botaniche che preferisci. Le più comuni sono i semi di coriandolo, la radice di angelica, le bucce degli agrumi (fresche o essicate), la corteccia di cassia o la cannella. Tu puoi dare spazio alla fantasia, fai un giro in erboristeria e divertiti. Liquirizia, rosmarino, cumino, cardamomo, lavanda, tutto ciò che vuoi. Nell’indecisione puoi sempre dare un’occhiata alla nostra Enciclopedia e vedere quali sono le botaniche del tuo gin preferito!

Di seguito ti forniamo una linea guida suggerita dagli esperti di The Craft Gin Club. Puoi seguirla pedissequamente oppure puoi usarla solo come spunto per farti un’idea.

INGREDIENTI

  • 750ml di vodka premium
  • 2 cucchiai o più di bacche di ginepro
  • 1 cucchiaino di semi di coriandolo
  • 2 baccelli di cardamomo
  • 2 grani di pepe
  • Mezzo bastoncino di cannella
  • Un pezzettino di buccia d’arancia essicata (togli la parte bianca perché è molto amara)
  • Un pezzettino di buccia di limone essicata (senza la parte bianca)

 

PROCEDURA

Sterilizza un barattolo o una bottiglia di vetro puliti con dell’acqua calda.

Metti le botaniche nel contenitore sterilizzato (non le bucce fresche se le utilizzi).

Riempi con la vodka.

Lascia in infusione in un posto freddo e buio per 24 ore.

Assaggia l’infuso – dovrebbe aver già preso un po’ dell’essenza del ginepro. Aggiungi le bucce fresche se le hai e le botaniche delle quali vuoi accentuare il sapore.

Lascia in infusione per altre 24 ore, agitando leggermente la bottiglia almeno una volta. Fai attenzione a non lasciarla in infusione troppo a lungo.

Assaggia di nuovo. Se ti piace filtra via tutte le botaniche con un setaccio (se rimangono dei residui puoi filtrare di nuovo utilizzando della garza di cotone).

Lascia riposare il liquido per un paio di giorni poi filtra ancora ogni altro residuo. Se vuoi un colore più chiaro puoi poi farlo passare attraverso il filtro di una caraffa per l’acqua, ma non è necessario.

Imbottiglia il tuo gin e se hai una vena particolarmente creativa mettici la tua etichetta! Enjoy and God Save the Gin!

Anche senza un alambicco, è comunque possibile produrre un gin in casa

Bottiglie pronte per l'imbottigliamento

Bottiglie pronte per l’imbottigliamento

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2016 ilGin.it Tutti i diritti riservati

83a675d8415f1e99ecc7f6bca0c4f6c6tttttttttttttttttttttttttttttttt