Ginabolario – Le parole del Gin: cuGINo

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Conosci i cuginetti del gin? Oggi vi presentiamo tutta la famiglia estesa!

CuGINo: Chi sono i cugini del gin? Quali sono i distillati che possono essere considerati in stretta parentela con il nostro superalcolico preferito? Sicuramente il primo è il Genever, che più che cugino è il genitore olandese del gin. A questo distillato si deve infatti la nascita del gin in Inghilterra e il nome stesso. In realtà i due spiriti sono piuttosto diversi, il Genever di solito non ha tanto ginepro fra le sue botaniche e delle due assomiglia più a una vodka o a una grappa, se non addirittura al whisky quando abbiamo a che fare con Genever invecchiati, ma la loro storia è indissolubilmente legata.

Quali sono i cugini del Gin?

Il Jenever è il cugino "più vicino" del gin. Gli abbiamo dedicato uno speciale nell'estate del 2015

Il Jenever è il cugino “più vicino” del gin. Gli abbiamo dedicato uno speciale (Alla scoperta del Jenever) nell’estate del 2015

Parente del gin è la cugina che viene dall’Est, la Vodka. La loro parentela non deriva dalla storia ma più dal fatto che, ora che il gin non è solo inglese e la vodka non è solo russa, molte delle distillerie che prima producevano uno dei due ora producono entrambi. Inoltre c’è chi dice che il gin non è altro che una vodka con un’infusione di erbe e spezie, affermazione non del tutto vera, ma nemmeno del tutto errata. Anche la reputazione dei due distillati li rende affini, entrambi comunemente considerati drink da poco, molto usati da chi non ha soldi ma vuole dilaniarsi di alcol, ma che si stanno riscattando negli ultimi anni, con la diffusione di sempre più numerosi brand premium e con la conquista di un target sempre più adulto e consapevole.

Un’altra parentela interessante è quella tra gin e il cugino Vermouth. Li considero parenti perché stanno meravigliosamente bene assieme! Adoro i cocktail a base di gin e vermouth, è sempre un’accoppiata vincente. Alcuni professionisti del settore, come per esempio David Smith -consulente indipendente sugli spirits-,  concordano sul fatto che il cross-selling dei due è un potenziale che probabilmente comincerà a essere sfruttato da produttori e rivenditori sempre più.

L’ultimo parente del gin è il cugino nobile e più anziano, il Whisky, se non altro perché anch’esso è un distillato di cereali come il gin e la vodka. E poi a me personalmente piacciono tantissimo i gin invecchiati nei barili di whisky, quindi grazie cugino whisky!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

77c7f7766b4153d6bf553ca5c9eeeaedUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU