Ginabolario – Le parole del Gin: immaGINe

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Quali sono le bottiglie di gin più memorabili? E le campagne pubblicitarie più belle? L’immagine del gin nell’era contemporanea.

IMMAGINE: Ogni giorno nasce un nuovo gin, ormai i brand e le varietà sono così tanti che non riusiamo a starci dietro. E i produttori devono fare di tutto per diventare memorabili e sopravvivere in questo marasma che affolla gli scaffali dei supermercati e dei bar.

Per farsi notare non basta creare un prodotto di qualità altissima, ormai spesso non basta nemmeno più utilizzare la botanica più strana e assurda che si possa trovare, non basta neppure fare leva sulla propria storia o sul legame della distilleria con il territorio attiguo.

Quali sono i gin secondo voi che hanno più coltivato la propria immagine?

Gin Mare, un gin che ha coltivato molto l'immagine di gin mediterraneo

Gin Mare, un gin che ha coltivato molto l’immagine di gin mediterraneo

Tutte queste cose, unite al packaging e a mosse di marketing ben congeniate, contribuiscono a creare l’immaGINe del gin. Ed è proprio l’immagine che il brand riesce a dare di sé che spingerà i consumatori a ricordarselo e a sceglierlo.

Sicuramente uno dei gin che ha lavorato meglio sulla costruzione della propria immagine è Gin Mare. Una serie di iniziative pubblicitarie azzeccate hanno reso noto il brand spagnolo, che è riuscito a imprimere nella memoria dei consumatori il packaging delle proprie bottiglie. Fra le varie iniziative ricordiamo che Gin Mare ha addirittura aperto a Ibiza un centro di riabilitazione per disintossicarsi dalle tecnologie moderne.

Trai colossi non può lasciare indifferente Hendrick’s Gin. Un’immagine sempre riconoscibile, unica, che unisce uno stile grafico che ricorda l’epoca della Rivoluzione Industriale e delle prime Esposizioni Universali a tocchi di estrema modernità; una presenza imponente sul web e sui social media, con continue iniziative interattive che coinvolgono il pubblico in maniera immersiva.

Gli esempi sono tanti. E non riguardano soltanto l’immagine pubblicitaria in generale. Ormai anche il produttore più piccolo e artigianale si fa in quattro per creare una bottiglia unica, riconoscibile al primo sguardo, sorprendente, evocativa eccetera. Da Broker’s Gin con la bombetta sul tappo al costosissimo Watenshi Gin con la bottiglia ingioiellata. Dal Daffy’s Gin con l’etichetta disegnata da Robert McGinnis (l’autore dei poster di Barbarella, per intenderci) al richiamo ai lati oscuri della storia del gin con Bathtub Gin. Dal nero Bulldog Gin con tanto di collarino borchiato alla leziosa boccetta di profumo di Givinity. E per competere anche i più piccoli creano etichette scritte a mano, design ricercati e cazziemazzi pur di far parlare di sé.

Avete altri esempi? Commentate!

God Save the Gin!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2017 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

2e6cead084d39b7d26ff0c1b398fadd7BBBBBBBBBBBBBB