Moonshot Gin, con botaniche provenienti dallo Spazio

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Moonshot Gin è il nuovo esperimento di That Boutique-y Gin Company e difficilmente incontrerete qualcosa di simile… è davvero spaziale!

Ho visto cose che voi umani non potete immaginare… e fra queste c’è Moonshot Gin, che rappresenta un apice nella corsa alla ricerca delle botaniche più singolari perché il proprio gin faccia parlare di sé. Il nuovo prodotto della recente azienda That Boutique-y Company, infatti, è fatto solo botaniche che sono state lanciate nello Spazio e anche roccia lunare proveniente da un meteorite.

Avreste mai immaginato di bere un gin con roccia lunare fra le botaniche?

Con Moonshot Gin si può davvero dire che si possono preparare gin tonic spaziali! Di per sé le sue botaniche sono abbastanza classiche: ginepro, coriandolo, cubeb pepper, buccia di limone fresca, fiori di camomilla, cardamomo, buccia d’arancia amara essicata, cannella, radice di liquirizia e di angelica. Ciò che le rende davvero uniche al mondo è il fatto che tutte quante, prima di essere utilizzate per il gin, sono state lanciate nella stratosfera ad un’altitudine di almeno 24km, dove sono “state esposte a una pressione estremamente bassa”. Il primo lotto di Moonshot Gin è composto da solamente mille bottiglie, le cui botaniche sono state lanciate nello Spazio il 7 marzo. Su YouTube è possibile vedere il video del loro viaggio fra le stelle (clicca qui sotto per vederlo).

moonshot gin

Da poco avevamo parlato di That Boutique-y Gin Company in quanto pare sia la prima azienda del mondo a lavorare come imbottigliatore indipendente di gin. Questa impresa decisamente innovativa si è ispirata, per la creazione del suo Moonshot Gin, ad altri esperimenti fatti da diverse compagnie riguardanti gli alcolici e i viaggi nello Spazio, come per esempio il primo “space-aged Negroni” del mondo creato dal bar di londra Mr. Fogg e dalla Bompas & Parr. Nel 2011, invece, la Ardbeg aveva inviato alcuni barili alla Stazione Spaziale Internazionale per sperimentare con l’invecchiamento del whisky a gravità zero e i campioni, tornati sulla Terra nel 2015, hanno conseguiti risultati davvero notevoli. Per quanto riguarda il Moonshot Gin, non sappiamo ancora quali siano le sue caratteristiche organolettiche, ma siamo proprio curiosi di provarlo!

Enjoy and God Save the Gin… also in Space!

Moonshot gin

Moonshot Gin

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

b5a2a3e720277dc898e6b902d28578c7666666666