Sipsmith V.J.O.P. e la nave fantasma

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

La nebbia di Londra, un veliero della Royal Navy, un capitano che sa riconoscere un buon gin… un sogno a base di Sipsmith VJOP Gin & Tonica

Il giardinetto quasi scompariva dietro quel denso grigiore acquoso che era sceso sulla città. Quell’insieme di erba verde brillante, di tronchi neri, di tavolini e di sedie metalliche bianche e decorate languiva nel banco di nebbia, immagine di un mare lontano e gelato, anche se il giardino si trovava a poche decine di metri dalla finestra. Alzando la testa verso l’orizzonte incontrò il suo riflesso nel vetro spesso, che tratteneva il calore del suo fiato trasformandolo in alone. Superò l’apparizione dei suoi occhi vispi e sognanti e fissò lo sguardo lontano. La nebbia si era fluidamente accovacciata su tutte le fenditure della città. Qualche grattacielo orgoglioso riusciva a boccheggiare con la testa nel cielo notturno, nero senza una stella. Il velluto grigio abbracciava con la sua pesante leggerezza tutta Londra trasfigurandola in una grande pianura ferma, neutralizzandone l’identità di sempre e lasciando spazio alla fantasia galoppante di chi, come lui, la guardava.

“Lo sguardo del capitano era intenso, deciso, ma senza stridori, senza aggressività, come questo gin.”

Versò la giusta quantità di Sipsmith V.J.O.P. gin nel bicchiere e aggiunse tonica ghiacciata. Gli parve di vedere sulla bruma una nave, vele spiegate, alberi spinosi di corde e scale, legno incatramato fendere quel mare del Nord verso le colonie d’Oriente. Le acque appena mosse, nere e argentee, un corpo unico con il cielo silenzioso e cieco. Il veliero della Royal Navy lanciato nell’oscurità, la pancia piena di uomini e barili.

Illustrazione di Flavio Orlando

La cabina degli ufficiali risplendeva dorata nella pece, luci calde e grida chiamavano una festa, la grande cena proposta dal capitano. Gran lavoro per il cuoco e i suoi assistenti, la tavola imbandita da una tovaglia bianca di raso, lampade ad olio oscillanti nell’aria che era pregna dei più svariati profumi: minestra di manzo all’angelica, arrosto con mandorla spagnola e la sua salsa, timballo di vitello con cassia cinese e cannella del Madagascar, torta di arance di Siviglia, confettura di limone, liquirizia spagnola da masticare. Visi rubicondi, risate, la gioia del momento, un violino d’accompagnamento che stonava a ogni onda di troppo, provocando ilarità generale e brindisi.

La notte non entrava in quell’alcova bollente, stemperata da Sipsmith V.J.O.P. & Tonic che il capitano serviva ai suoi commilitoni. E quando apriva una bottiglia eseguiva il test. Perché fosse il gin per la Royal Navy – e non annacquato da furbi mercanti o da truffaldini fornitori – doveva passare la prova della polvere da sparo. Miscelato un poco di gin con la polvere, questa doveva comunque accendersi, grazie alla maggiore quantità di alcool contenuta rispetto a gin normali. La fiammata veniva sempre accolta da un clamore generale, colpo di violino e bicchieri che tintinnavano leggiadri e sicuri.

La nebbia era su Londra, il veliero scomparso ma le grida della festa ancora echeggiavano nella sua testa. Prese un sorso di Sipsmith V.J.O.P. & Tonic e ne assaporò l’equilibrio del gusto speziato. “Eppure non si sente quel carico alcolico,” disse tra sé. “È perché in distilleria sono generosi con la quantità di ginepro, tre volte il normale”. Una seconda voce lo spaventò, si girò e vide al tavolo di casa sua un uomo in uniforme da capitano della Royal Navy, ammiccante e settecentesco. “Facciamo la prova della polvere sa sparo?” La mano alla bottiglia, un po’ di polvere sul tavolo con una scatola di fiammiferi accanto. Lo sguardo del capitano era intenso, deciso, ma senza stridori, senza aggressività, come questo gin.

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2017 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

2583c9cf1e44c8f77d82b1505e596321GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGG