Botanist gin sfida i bartender a creare un nuovo cocktail

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Botanist Gin, il primo gin mai prodotto nell’isola scozzese di Islay, lancia una nuova iniziativa dedicata ai bartender con la passione per il “foraging”

Il Botanist Gin viene prodotto presso la distilleria Bruichladdich Scotch e contiene 22 erbe e fiori cercati e raccolti sull’isola di Islay. Andare in cerca di fiori, piante, frutti, bacche, funghi ecc. nei boschi o in campagna per raccoglierli in inglese si dice “to forage”. The Botanist ha lanciato un’iniziativa dedicata ai bartender, incoraggiandoli a creare un “foraged cocktail” (cioè un cocktail contenente ingredienti che il bartender va a cercare e raccogliere) a base di Botanist Gin.

Per aiutarli nella difficile missione, The Botanist darà in uso per un mese ai locali che partecipano alla gara un infusore col quale creare sciroppi e tinture con gli ingredienti raccolti nella zona da usare per i loro cocktail.

I bartender dovranno creare un cocktail con ingredienti raccolti a mano, come le botaniche del Botanist

Gli ingredienti per la competition The Botanist dovranno essere colti a mano

Gli ingredienti per la competition The Botanist dovranno essere colti a mano

I foraged cockyails verranno valutati a Dicembre da una giuria comprendente un “forager”, uno chef, un mixologist e la brand ambassador di The Botanist Abigail Clephane, la quale ha commentato: “Siamo felicissimi di coinvolgere i bartender che condividono la nostra passione per la scoperta e l’esplorazione. Non vediamo l’ora di vedere quest’avventura che si realizza man mano.”

Il mixologist che creerà il cocktail vincente potrà tenere l’infusore e verrà portato sull’isola di Islay dove aiuterà a raccogliere le erbe e le piante che saranno infuse nel Botanist Gin.

Jenia Matthews, marketing manager del Regno Unito di Rémy Cointreau, ha dichiarato. “La ricerca degli ingredienti di solito si fa nel campo dell’alta cucina, ma non è molto diffusa nella mixology. Con The Botanist incoraggiamo sempre a sperimentare con nuovi sapori.”

L’anno scorso la gara ha coinvolto solo bartender australiani ed è stata un successo. Le 40 migliori ricette dell’anno scorso sono ancora consultabili sul sito di The Botanist per tutti gli esploratori che desiderano provare cose nuove. Moltissime altre ricette di foraged cocktails create dai bartender con il Botanist Gin sono disponibili a questo link http://www.thebotanist.com/drinks.

Che vinca il migliore! And God Save the Gin!

Fonti:

  1. http://www.thedrinksbusiness.com/2015/10/botanist-gin-targets-foraging-fiends/
Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2017 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

bb5dbe77bf44ef72d3b8585ec3c9f68abbbbbbbbbbbbbbbbb