Carmela Gin, il gusto tropicale di guayava e mango

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Carmela Gin è una delle novità che la Spagna ci porterà nel 2017, un gin dai sentori esotici adatto a gin tonic briosi e fruttati

Carmela Gin sarà una delle novità che arriveranno dalla Spagna nel 2017. Un gin diverso da quelli classici, dedicato a chi preferisce provare gusti un po’ diversi e più fruttati rispetto al tradizionale London Dry. Carmela Gin, infatti, è caratterizzato dalla presenza di frutta tropicale, il cui sentore dolce bilancia le note secche e speziate del ginepro e delle altre botaniche classiche.

Novità del 2017: Carmela Gin

Carmela Gin è prodotto sull’isola Gran Canaria dalla Fabrica de Licores Artemi, distilleria di tradizione ormai centenaria, specializzata da tempo nella produzione di rum di alta qualità. L’azienda ha deciso quest’anno di provare a dedicarsi a un nuovo distillato da affiancare alla gamma dei rum e nasce così questo nuovo gin. Non molto alcolico, con una gradazione del 37,5%, è comunque un gin che ben si presta alla miscelazione, in particolare nel gin tonic.

Colpisce il naso per i suoi profumi tropicali, mentre al palato le note del ginepro lasciano spazio a quelle della guayava (frutto pi noto col nome “Guava”, poco comune in Italia) e del mango, che, come abbiamo detto, contraddistinguono Carmela Gin. Il risultato non è comunque eccessivamente dolce e fruttato, infatti le note esotiche si equilibrano bene con quelle secche dando vita a un distillato che si descrive come “interessante e innovativo” I produttori consigliano in particolar modo di abbinare Carmela Gin con un’acqua tonica dry, perché “gli dona una nota briosa” e insieme creano “un mix perfetto”.

Anche la bottiglia arancione richiama i colori della frutta tropicale e fa pensare alle feste sulla spiaggia d’estate. Per questo motivo, a prima vista, Carmela Gin sembra più adatto ai cocktail estivi, ma col nuovo anno scopriremo come miscelarlo al meglio. Per adesso possiamo solo dirvi… Enjoy and God Save the Gin!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

bd69b2e71a539dc60a33571a851fe81d##############