Dall’epoca vittoriana il decanter per gin a forma di maialino

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Lo sapevate che esistevano i decanter per gin ed erano a forma di bassotto, o di maialino per gli inglesi? E oggi sono di nuovo tra noi!

L’Età Vittoriana ha decisamente lasciato un segno in quella che è l’immagine attuale dell’Inghilterra. Alla seconda metà dell’800 infatti risalgono infatti i tipici palazzi in stile, appunto, vittoriano, caratterizzati da interni ed arredamenti sontuosi, oggettistica bizzarra, macchinari insoliti. Siamo nel periodo della Rivoluzione Industriale, ma anche nel periodo a cui si ispira lo stile Steampunk e soprattutto in un momento in cui il gin ha goduto di grande popolarità. Ed è in questo contesto storico che esisteva un oggetto in vetro molto particolare, un decanter in vetro per gin a forma di maialino. L’azienda scozzese Angels’ Share Glass ha ricreato oggi questo oggetto di cui pochi sono a conoscenza.

Perché limitarsi al decanter per il vino quando puoi avere quello per il gin?

Infatti le famiglie benestanti del XIX secolo spesso possedevano decanter dedicati ognuno a un diverso alcolico, ma quelli più conosciuti e che tutt’ora in tantissimi possiedono a casa sono i decanter per il vino o per il whisky. Molto meno noto è decisamente il “gin pig”. Esistono due esemplari storici di questo contenitore in vetro a forma di porcellino, conservati presso Brodie Castle, l’antica residenza del clan Brodie, oggi di proprietà del Fondo Nazionale Scozzese (National Trust for Scotland). Uno dei maialini fatti a mano a Londra nel 1903 da PLB&Co preserva ancora il prezioso tappo d’argento che funge da “naso” del maialino.

Uno dei “gin pig” conservati al Brodie Castle, in Scozia

Karen Somerville, managing director della Angels’ Share Glass, vide i decanter durante una visita al castello Brodie e subito le venne l’ispirazione per una riproduzione di questi simpatici oggetti. Ha infatti raccontato: “Sono un membro del National Trust for Scotland e dopo aver letto su Internet di questi maialini e dopo aver visitato il castello non vedevo l’ora di riportare alla luce questa storia. Mio padre, Tom Somerville, ha sviluppato i prototipi e alla fine abbiamo creato il design per i decanter, venduti esclusivamente tramite il nostro shop online. Oggi il gin è di nuovo popolare, soprattutto in Scozia dove vengono prodotti moltissimi gin artigianali, e penso che i nostri maialini costituiranno una gradita novità per tutti gli amanti del gin. Sono un ottimo argomento di conversazione e possono diventare un meraviglioso centrotavola!”

Un aneddoto divertente sui “gin pig” riguarda il fatto che in realtà essi non sarebbero maialini, ma cagnolini, e nella versione inglese sono stati nominati erroneamente a causa di questo fraintendimento. Al di fuori del Regno Unito, infatti, questi decanter sono chiamati “fyldehund” (riempi il cane) o “schnappshund” (cane di grappa) e sono modellati a forma di bassotto. Pare che i decanter del Brodie Castle siano proprio cagnolini, ma ormai l’errore è stato commesso e per tutti sono diventati ormai maialini.

Il “gin pig” di Angels’ Share Glass

I maialini di vetro per gin della Angels’ Share Glass contengono gin scozzese e ne verranno fatte diverse versioni con diversi brand di gin. Il costo è di 29.95£ e sono acquistabili sul sito dell’azienda, ma vengono spediti solamente all’interno del Regno Unito, quindi se ne desiderate uno dovete farvelo procurare da un amico inglese! Enjoy and God Save the Pig… the Gin!

 

Fonte:

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

2bbb04a672b83c1315a232ee940c565dccccccccccccccccccccccccccc