Jenever, il reportage: sesta tappa, House of Bols

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

La tappa conclusiva del viaggio alla scoperta del Jenever ci porta all’interno del percorso sensoriale e storico nella famosa sede di House of Bols, una delle distillerie più importanti dell’Olanda

Sesta Tappa: House of Bols, the Cocktail & Genever Experience
Indirizzo: Paulus Potterstraat 14, (Di fronte al Van Gogh Museum) 1071 CZ  Amsterdam
Orari: 

  • Dalla domenica al giovedì: dalle 12.00 alle 17.30
  • Venerdì: dalle 12.00 alle 21.00
  • Sabato: dalle 12.00 alle 19.00

Prezzo: 14.50 Euro, cocktail incluso (il venerdì dalle ore 17.00 il prezzo è 9.50 Euro)

Il tour di House of Bols è piuttosto lungo e variegato e unisce in sé storia, curiosità e sensorialità. Il visitatore segue autonomamente il percorso curato in ogni particolare, in un’atmosfera moderna e all’avanguardia.

Il Jenever e la storia di Amsterdam vanno mano nella mano

Molti dei cocktail contenuti nel libro di Jerry Thomas sono a base di Jenever

Molti dei cocktail contenuti nel libro di Jerry Thomas sono a base di Jenever

Alcune delle botaniche utilizzate nella creazione del Jenever

Alcune delle botaniche utilizzate nella creazione del Jenever

Il primo passo nel mondo di Bols catapulta subito il visitatore all’interno della storia del Jenever e di House of Bols, dalle origini a oggi. Tutto comincia nel 1575, quando la famiglia di Lucas Bols apre una distilleria di liquori ad Amsterdam e dal 1664 inizia a produrre Jenever. Lucas, nato nel 1652, si impegna nell’ammordenamento della distilleria fino alla morte nel 1719. Molto più che una distilleria, sin dal 1800 i proprietari lavorano con i bartender per creare i loro mix e nel 1817 nasce il primo cocktail firmato Bols, il Ratafia de Quatre Fruit Rouges. Nel 1823 cominciano a importare Genever e altri liquori negli Stati Uniti. Sempre all’avanguardia, l’azienda comincia a produrre le sue bottiglie personalizzate di ceramica nel 1844. Nel 1880 l’importazione di Genever negli USA è sei volte maggiore di quella del gin e dal 1883 Bols inizia a produrre il suo famoso Genever Corenwyn. La storia continua fino a oggi, passando per vari grandi successi, come le famose casette di ceramica contenenti Genever Bols regalate ancora oggi dal 1957 sui voli KLM (non in economy, sappiatelo), e le bottiglie pensate apposta per i bartender, realizzate nel 2004.

Curiosità: nel 1862 Jerry Thomas creò la prima guida alla preparazione dei cocktail per i bartender e moltissimi di questi cocktail erano a base di Jenever!

La seconda parte mette alla prova i nostri cinque sensi per dimostrare quanto sia facile ingannarli e, di conseguenza, quanto sia difficile diventare esperti nell’arte della degustazione. Il “Taste Quiz” comincia con la dimostrazione che ciò che vediamo con gli occhi influisce su ciò che percepiamo con il palato: ovviamente non posso dirvi la soluzione, ma se ci andate fatemi sapere in quanti hanno indovinato il sapore giusto. La seconda prova dimostra che anche l’olfatto influisce sul gusto: assaggerete qualcosa tenendo il naso chiuso e non sarà facile capire cosa avete mangiato!

Dopo aver sfidato i propri sensi il visitatore entra in un lungo corridoio dai colori psichedelici e deve annusare un’enorme quantità di bitter differenti: tenete a mente quali vi ispirano di più perché alla fine di tutto il tour potrete assaggiarne tre! Non è facile, perché a un certo punto gli odori si mischiano, alcuni vi faranno venire l’acquolina in bocca e altri vi disgusteranno a seconda dei vostri gusti, ma cercare di indovinare che cosa si trova all’interno delle bottiglie colorate è davvero divertente.

Lo storico sistema di produzione del Jenever

Lo storico sistema di produzione del Jenever

Il corridoio di bitter

Il corridoio di bitter

Il bar di House of Bols

Una selezione di prodotti Bols

Nella quarta parte del percorso si entra nel vivo dei prodotti di House of Bols, in particolare dei loro Jenever. Per ognuno è spiegato il processo produttivo e si possono toccare e annusare il grano con cui viene fatta la base alcolica e le botaniche utilizzate e ogni fase è spiegata anche grazie a espedienti sensoriali che aiutano a immergersi meglio nel significato del lavoro del distiller. La prossima settimana potrete leggere l’articolo conclusivo del viaggio de ilGin.it ad Amsterdam e, attraverso il racconto del ciclo di produzione di Bols, vi sveleremo come si fa il Genever e risponderemo a molte domande, leggende e curiosità che ancora aleggiano attorno a questo magnifico distillato.

Per concludere in bellezza ogni visitatore di House of Bols può scegliere il proprio cocktail personalizzato sulla base dei suoi gusti, grazie a un computer nel quale selezionare le tipologie preferite (dolce, secco, liquore di base ecc.). Uno dei barman esperti della scuola per bartender di House of Bols ti prepara il tuo cocktail e ti fa assaggiare i tre bitter che vuoi. Se pensate di farvi un aperitivo leggero avete sbagliato posto! Enjoy!

Link:

  1. http://www.houseofbols.com/
Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2017 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

71100b8bbeca1c8cc376932a2543f4d6NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN