facebook_pixel

Ki No Bi Gin, il primo gin del Giappone in arrivo

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Ki No Bi Gin uscirà tra poco e sarà il prodotto di lancio della Kyoto Distillery, la prima e unica distilleria di gin di tutto il Giappone

Ki No Bi Gin per ora è stato solo annunciato, ma arriverà presto ed è il primo gin mai distillato in Giappone. La Kyoto Distillery, creata da Marcin Miller e David Croll con la loro azienda Number One Drinks Company Japan, è la prima distilleria ad aver ottenuto la licenza per produrre gin in territorio nipponico. Presto arriverà il loro primo prodotto, un gin con base alcolica di riso, denominato Ki No Bi che significa La Bellezza delle Stagioni.

Ki No Bi Gin, il primo gin mai distillato in Giappone, uscirà ufficialmente a ottobre.

Alex Davies, head distiller della Kyoto Distillery

Alex Davies, head distiller della Kyoto Distillery

La distilleria ha un alambicco di rame “ibrido” creato dall’artigiano tedesco Christian Carl, formato da due alambicchi, uno da 140l con cestello per le botaniche integrato e uno da 450l con cestello per le botaniche a collo di cigno montato di fianco. Con questi alambicchi, che permettono grande capacità e flessibilità, stanno producendo Ki No Bi Gin, descritto come un “dry” con un “accento giapponese”. Ci sono voluti sei mesi e l’aiuto di un grande esperto del settore degli spirits, Masami Onishi, per selezionare le botaniche nipponiche. Tra queste compaiono lo yuzu giallo, dal nord della Prefettura di Kyoto; legno di hinoki, un tipo di cipresso tipico del Giappone; bamboo; gyokuro tea, dalla regione di Uji; e sanshō verde, un tipo di pepe giapponese. Oltre alle botaniche e alla base alcolica di riso, a dare un tocco giapponese al gin c’è anche l’acqua di Fushimi, famosa per la sua purezza, con la quale il gin viene portato a una gradazione del 45,7%.

Il master distiller Alex Davies ha spiegato che non utilizzano solamente il lato scientifico della distillazione come molti altri fanno, ma si rifanno anche all’antica arte della miscelazione. “Per creare il nostro gin separeremo le botaniche in sei diverse categorie: Base, Agrume, Tè, Erbe, Spezie, Fiori e le distilleremo separatamente prima di miscelarle assieme.”

Il lancio ufficiale di Ki No Bi Gin avverrà questo ottobre in Giappone e poi seguiranno altri mercati selezionati. Ancora non si sa quale sarà l’aspetto della bottiglia, ma pare che verrà prodotta dall’azienda specializzata di Osaka Sakai Glass, mentre l’etichetta è stata creata in collaborazione con KIRA Karacho, un atelier karakami di Kyoto operativo dal 1624. Il prezzo di Ki No Bi Gin è ancora un mistero.

 

Fonti:

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2017 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

d214e41854712098fd691047beff5816fffffffffffffffffffffffffffffff