Le novità del mese: dallo sloe gin che cambia colore al gin di Sauvignon Blanc

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Amate il vino? Amate i sapori dolci? Vi piacciono le sperimentazioni? Preferite i sapori classici? In ogni caso c’è un gin che aspetta solo voi!

I gin lanciati di recente sono così tanti che era d’obbligo per noi presentarvi qualche altro nuovo prodotto come abbiamo fatto già a inizio settimana, anche perché sono tutti prodotti veramente unici e originali, come per esempio lo sloe gin australiano che cambia colore a contatto con l’acqua tonica e il gin francese a base d’uve di Sauvignon. Enjoy and God Save the Gin!

Innovazione e produzione non si arrestano mai nel mondo del gin!

Greenall’s Sloe Gin: La versione Sloe di Greenall’s, di proprietà di Quintessential Brands, esisteva già, ma è stato cambiato il packaging e soprattutto la master distiller di G&J Distiller Joanne Moore ne ha messo a punto una nuova ricetta, approfittando della recente ondata di popolarità dei gin aromatizzati. Greenall’s Sloe Gin è fatto con la stessa base e le stesse otto botaniche del London Dry, con l’aggiunta dell’infusione di bacche di prugnolo e una gradazione del 26% Vol. A partire da questo mese il gin sarà distribuito nel mondo nelle bottiglie da 70cl.

Greenall's Sloe Gin

Greenall’s Sloe Gin

Bloody Shiraz Gin: La distilleria australiana Four Pillars lancia il terzo gin vintage della sua gamma ibrida fra gin e Shiraz e si tratta di uno Sloe Gin del tutto unico per diversi motivi. Innanzitutto perché la base è quella di Rare Dry Gin, infuso a freddo con uve Shiraz della Yarra Valley, in Australia. Poi perché si tratta di un prodotto vintage e quindi i lotti prodotti di anno in anno hanno caratteristiche uniche e differenti. Infine perché il Bloody Shiraz Gin è di un intenso color rosso rubino, ma quando viene miscelato con acqua tonica o con acqua frizzante diventa rosa iridescente. Con una gradazione del 37,8% Vol, all naso profuma di aghi di pino e pepe, con forti note di lampone, mentre al palato è dolce con un lungo finale con note di ginepro e note speziate. Il gin è in vendita sul sito web di Four Pillars e in pochi altri mercati nel mondo, compresi, per la prima volta, gli USA.

Bloody Shiraz Gin

Bloody Shiraz Gin

Curio Fly Navy Gin: Il produttore della Cornovaglia Curio Spirits e la base navale RNAS Culdrose hanno avviato una collaborazione per celebrare con un gin i cento anni dalla prima volta in cui un aeroplano è atterrato su una nave in movimento. Curio Fly Navy Gin è distillato quattro volte con botaniche naturali tra cui erica raccolta nelle piste di Culdrose, ginepro europeo, pepe sansho del Giappone e vaniglia del Madagascar ed è descritto come un gin dalle intense note di agrumi e spezie. E’ in vendita presso il sito web di Curio Spirits e per ogni bottiglia venduta verrà fatta una donazione all’organizzazione benefica Navy Wings.

Curio Fly Navy Gin

Curio Fly Navy Gin

Sorgin: Il produttore di vino del Bordeaux François Lurton ha lanciato un nuovo gin dedicato agli amanti del vino con base alcolica creata a partire da uve di Sauvignon provenienti da Gascony, nel sud-ovest della Francia. Tra le botaniche troviamo scorze di pompelmo e di lime, limone, violetta, ginestra spinosa e boccioli di ribes rosso, mentre il ginepro non viene aggiunto direttamente, ma sotto forma di distillato, riducendone notevolmente le caratteristiche organolettiche così da non coprire le note delicate del Sauvignon Blanc. Con una gradazione del 43%, Sorgin è descritto come un gin complesso con note fruttate e aromi erbacei. La famiglia Lurton produce vini francesi sin dal 1897 ed esporta in tutto il mondo.

Sorgin

Sorgin

Se vi interessa il genere, ma volete rimanere più fedeli al gusto del gin, la distilleria statunitense N. 209 già produce da tempo gin di altissima qualità invecchiati in botti di vino; in particolare il loro American Dry Gin è disponibile anche in Italia nella versione invecchiata in botti di Sauvignon Blanc, di Cabernet Sauvignon oppure di Chardonnay. Da provare assolutamente!!!

 

Fonti:

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2017 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

b94cb3bfaeb35e9efd6dcecf11d9ceb8^^^^^^^^^^^^^^^^^^