La ricetta delle feste, da abbinare al gin tonic

La ricetta delle feste, da abbinare al gin tonic

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Risotto tiepido con cetrioli, zenzero e tartare di gamberi di Oreste Romagnolo di Orestorante: con questa ricetta The Gin Lady vi augura Buon natale!

Eravamo a una serata dedicata agli chef gourmet da Eataly un po’ di sere fa e a un certo punto ci servono questo piatto: risotto tiepido con cetrioli, zenzero e tartare di gamberi e succo di pomodoro di Oreste Romagnolo di Orestorante di Ponza. Il commento immediato dei commensali è stato: “buonissimo, sorprendente”. Quello della vostra Gin Lady: “io lo mangerei in abbinamento a un gin tonic con Hendrick’s”. Non è un caso se il pensiero è andato al gin al cetriolo più famoso!

Così abbiamo chiesto allo chef Oreste di darci la ricetta, perché, abbiamo pensato, sarebbe stata una grande idea per le cene delle feste, quando si mangia spesso il pesce. Lui è stato gentilissimo nello spiegarla e ci ha garantito che è facilissima.

Risotto tiepido con cetrioli, zenzero e tartare di gamberi

La ricetta

Come spiega Oreste, si parte preparando in anticipo il risotto classico: fondo di cipolla e burro, lo si tira con il brodo, lo si manteca alla fine con il parmigiano fino a fargli fare l’onda. Quindi lo si lascia raffreddare, finché diventa tiepido. Solo a quel punto si possono aggiungere gli altri ingredienti, che sono tutti freddi e che conviene preparare in anticipo per lasciarli insaporire, a parte la tartare, che deve essere freschissima.

Lo chef Oreste Romagnolo con il suo piatto

Precedentemente, infatti, Oreste prepara un po’ di zenzero grattugiato e lo lascia marinare con olio e poco sale. Il cetriolo, invece, non viene sbucciato, ma privato della parte interna dei semi e ugualmente grattugiato finemente. Anch’esso va lasciato marinare in olio, limone, sale e pepe.

Poi, quando il risotto è quasi a temperatura giusta, si procede a una veloce marinatura in olio e lime della tartare di gamberi crudi freschissimi (meglio se sono quelli rossi). Ancora, da parte, si fa una salsa non troppo liquida tipo Bloody Mary, con succo di pomodoro, tabasco, una spruzzata di succo di limone, sale e pepe.

Una volta diventato tiepido il risotto, si possono aggiungere tutti gli altri elementi. Zenzero e cetriolo si mescolano al risotto, quindi si procede a impiattare, sistemando il riso a specchio sul piatto. Con la salsa al pomodoro fate delle goccioline (l’ideale è usare il biberon), mentre con l’aiuto di due cucchiaini fate delle piccole quenelle di tartare di gambero. Oreste ci ha messo anche un fiorellino per completare la presentazione.

È un piatto che ci è stato servito fra i primi, ma che in verità Oreste ha in carta come antipasto. Forse la virtù sta nel mezzo e questo piatto è perfetto se servito come intermezzo fra gli antipasti e i primi.

E con questo la vostra Gin Lady vi augura buon appetito, ma soprattutto un Buon Natale!

Ps. Se ci volete venire a salutare al The Gin Corner e far festa insieme a noi, c’è un appuntamento da non perdere il 23 Dicembre. Ci scambieremo gli auguri di Natale e supporteremo una causa che ci sta molto a cuore. L’aperitivo sarà infatti l’occasione per presentare Casa Congo: un progetto di conservazione ambientale e sviluppo comunitario avviato in Nicaragua da un team di giovani artisti e imprenditori italiani. Parte del ricavato della serata sarà devoluto a questa bella associazione.

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

2fbfc71ff73cb2b6958da32f231fef55222