Le ricette di The Gin Lady: Pennette al gin


Corsi e ricorsi storici. Ho sentito ieri il mio amico Stefano Nincevich e mi ha detto che anche gli anni Ottanta e Novanta torneranno anche nel bicchiere. Già per strada vedo talvolta short pericolosamente corti e vite dei jeans drammaticamente alte. Anche in fatto di cucina, si intravedono grandi ritorni, come quello del vitello tonnato e dell’insalata russa.

Pennette alla vodka??? No! Al gin!!!

Così, ho ripensato a un classicone degli anni Ottanta-Novanta in fatto di ricette. Le pennette alla vodka. Il massimo dello chic per taluni, del kitsch per altri. Ma come mi ha insegnato il mio amico Stefano, se anche tornassero i mischioni blu degli anni bui, non sarebbe la stessa cosa: oggi c’è una maggiore consapevolezza degli ingredienti in fatto di cocktail, le basi alcoliche hanno una qualità di gran lunga migliore e lo stesso vale per gli ingredienti in cucina. E poi la vodka non si porta più come all’epoca: thanks God, va di moda il gin!

Ed ecco che le gloriose pennette alla vodka le trasformiamo in pennette al gin, che fa più trendy. È importante sottolineare che gli ingredienti base sono da rivedere rispetto a qualche decennio fa.

  • Non prendete il gin più scarso del supermercato, dicendo che tanto è solo per cucinare. Utilizzate lo stesso gin con cui vi farete il gin tonic in abbinamento, così rilascerà le botaniche giuste. Potrete usare il jigger per dosarlo, perché il quantitativo è lo stesso del gin tonic.
  • Non me ne vogliano i distributori di panna vegetale in brick, ma personalmente, a meno che non siate vegani, vi suggerisco di utilizzare sempre panna fresca. Quella che si trova al banco frigo, per intenderci, per due porzioni ne basta la confezione da quarto di litro. Appare più liquida, ma al contatto con la padella si rapprende istantaneamente, quindi il risultato è il medesimo e guadagnerete in gusto e cremosità.
  • La pasta: in Italia sbagliare è difficile, ma magari se scegliete una buona pasta trafilata al bronzo, per qualche centesimo in più ci guadagnate in gusto.

Pennette al gin

Ingredienti per due persone: 160 g di pennette (o mezze penne) rigate; 1 cipollina o una cipolla piccola; 100 g di pancetta affumicata tagliata in un’unica fetta; 5 cl di gin; 250 g di salsa di pomodoro; 10 cl di panna fresca; olio extravergine d’oliva; sale; pepe; bacche di ginepro

Il famoso sugo rosa delle pennette alla vodka non si scorda mai. Ci va la cipolla, meglio se il cipollotto. Se vi piace anche la pancetta, che potrebbe essere affumicata e sposarsi perfettamente con il Gin Smoke Bordiga, nato da una tostatura erronea delle bacche di ginepro, che poi sono state distillate ugualmente per fare una prova. Il risultato è un gin divertente, che in questa ricetta ci sta benissimo. Ovviamente, se non ce l’avete potrete scegliere un altro gin, ma attenzione che le botaniche non facciano a botte con la pancetta.

Quindi, preparate un soffritto con la cipolla tagliata finissima e lasciate andare finché le cipolle non sono trasparenti.  A quel punto aggiungete la pancetta affumicata tagliata a dadini e fatela rosolare, aspettando che si sciolga il grasso. A questo punto, è il momento del gin: alzate la fiamma e versatene il contenuto di un jigger, lo stesso del gin tonic. Se siete bravi, l’ideale è proprio flambare, per far evaporare al meglio l’alcol. Appena, avvicinando il naso, non sentirete più l’alcol, è il momento di aggiungere il pomodoro, che dovrà cuocere per una ventina di minuti a fuoco lento. A cottura quasi ultimata, mentre intanto avrete cucinato anche la pasta, aggiungete due jigger di panna per colorare il sugo e aggiustate di sale e di pepe. Macinate da parte un po’ di bacche di ginepro e utilizzatele come finitura del piatto. Servite con un buon gin tonic in accompagnamento per sgrassare la panna, grazie alle bollicine della tonica.


Potrebbe interessarti...