Penderyn Distillery: dal whisky al gin… con una nota inconfondibile

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Un viaggio nella prima distilleria di whisky del Galles alla scoperta del loro alambicco unico al mondo che crea un gusto distinguibile fra tutti…

Grazie a Gruppo Meregalli, distributore italiano dei whisky Penderyn, abbiamo avuto l’opportunità di viaggiare in Galles e visitare la bellissima distilleria. Un’immersione interessantissima nel mondo di un distillato diverso dal gin, ma dalle mille sfaccettature che ci hanno subito coinvolto e appassionato. Vi vogliamo dunque raccontare la loro storia e il loro metodo di produzione, anche se con il gin ci collegheremo solo alla fine.

“From Wales to the World…”

Penderyn Distillery si trova al sud del Galles, nel Parco Nazionale Brecon Beacons, e tra i suoi prodotti figura Brecon Gin, ma la sua specialità è il whisky. E’ il primo produttore indipendente del Galles dopo oltre un secolo ed è tra le prime distillerie al di fuori della Scozia che ha iniziato a produrre whisky. Adesso sono molte, ma al tempo per loro era addirittura difficoltoso far capire all’estero, soprattutto negli USA, che non si trattava di whisky scozzese, ma gallese. Sorge nel villaggio di Penderyn, in un Parco Nazionale, un luogo perfetto per la distillazione e incantevole, caratterizzato, come gran parte del Galles, da una presenza maggiore di pecore rispetto agli abitanti.

Il Principe Carlo degusta un whisky Penderyn

Alambicchi tradizionali per il whisky

Il whisky Penderyn è Single Malt, cioè viene fatto con 100% di orzo maltato e il tutto è prodotto in un’unica distilleria. Solitamente un single malt viene percepito dai consumatori come maggiormente “premium” rispetto ad altri whisky. Ma ciò che distingue la distilleria sono tre caratteristiche principali:

  • Utilizzo di un alambicco personalizzato in rame unico al mondo che quindi produce un alcol unico. Con esso lavorano in lotti e quindi non hanno una distillazione continua.
  • Grande ricerca nel packaging che sin dal 2004 è un elemento distintivo di Penderyn (prima del 2010 non c’era grande differenziazione nel mondo del whisky), con un forte utilizzo dei simboli e delle leggende gallesi.
  • Doppio affinamento in botte, il primo in ex botti di Bourbon e il secondo in botti di Madeira, selezionate da un’unica fonte e raramente utilizzate per questo tipo di invecchiamento, per questo motivo distintive dei whisky Penderyn. Alcuni finish sono fatti anche con altri tipi di botti, sempre nel rispetto delle note peculiari del brand.

Degustazione direttamente dalla botte

Degustazione guidata

Un’altra caratteristica è quella di produrre tutto quanto in distilleria a parte l’orzo maltato utilizzato per la base alcolica. Anche l’acqua proviene da un pozzo vicino alla distilleria ed è filtrata dalle rocce del parco nazionale. Essa è molto importante perché con un’acqua non perfettamente pura si rischia di inibire la fermentazione dell’orzo.

I diversi whisky Penderyn sono dedicati ad avvenimenti storici, personaggi, simboli e leggende gallesi. Esiste un’edizione limitata dal nome “Charles”, perché dedicata al Principe Carlo del Galles, grande amante del whisky e presente sia al lancio del prodotto a Cardiff il 1° marzo 2004 sia all’inaugurazione del centro per i visitatori nel 2008. Come dicevamo, viene sempre data grande attenzione al design delle bottiglie e al packaging delle scatole che le contengono. La gamma “Gold” dalla gradazione 46%, per esempio, raffigura il tema, più contemporaneo, dell’Oro del Galles, mentre nel 2015 è stata lanciata una gamma di Single Malt dal 41% vol., con l’illustrazione del classico drago del Galles in risposta all’elevata richiesta di un’immagine più tradizionale.

Particolari del packaging di alcune confezioni Penderyn

Alcune bottiglie dei distillati Penderyn

Vediamo ora il ciclo di produzione:

Più o meno ogni sei giorni vengono trasportate in distilleria 28 tonnellate di orzo con cui ogni anno, distillando quasi tutti i giorni, producono 400.000 litri di alcol puro. Per farlo, l’orzo maltato viene macinato e messo in acqua a 65°C per produrre gli zuccheri necessari alla fermentazione. Cercano di estrarre solo gli amidi. La fermentazione dura due o tre giorni e man mano viene aggiunto il lievito, quindi il liquido ottenuto, che ha una gradazione di 8-8,5°, assomiglia molto alla birra (ma senza luppolo) anche nell’odore. Questo alcol passa poi nell’alambicco unico di Penderyn, dal quale si ottiene un alcol meno oleoso, più leggero e più fruttato rispetto a quello che si ottiene dagli alambicchi tradizionali e che quindi rende immediatamente riconoscibili i whisky Penderyn.

Dal 2014 la distilleria possiede anche due alambicchi tradizionali quindi in realtà ora, ogni volta i 7.500 litri ottenuti dalla fermentazione vengono divisi fra questi e l’alambicco Penderyn. I due alambicchi di tipologia “Lantern” lavorano in sinergia (uno produce alcol a 25° e l’altro a 73°) e si ha una doppia distillazione che rende comunque l’alcol più delicato in stile Penderyn. Non è ancora stato rilasciato il prodotto ottenuto con questi alambicchi.

All’alcol prodotto dagli alambicchi viene aggiunta acqua e poi lo si fa riposare in botte per il tempo stabilito. Per legge un whisky può essere chiamato tale solo se invecchia per minimo tre anni; ciò fu stabilito da un Primo Ministro Gallese, David Lloyd George, nel 1915. Finito il tempo di riposo al whiskey viene aggiunta altra acqua per portarlo a gradazione e poi si passa all’imbottigliamento. Alla Penderyn Distillery non usano la torba durante la produzione, ma per la versione torbata essa viene messa nel barile così si rispetta quella nota morbida e quella leggerezza che contraddistingue i prodotti Penderyn.

Schema dell’alambicco Penderyn

L’alambicco Penderyn, unico al mondo

Ed è proprio parlando di questa morbidezza distintiva che passiamo al gin. Penderyn infatti è proprietaria del brand Brecon Gin, il quale non viene direttamente fatto in questa distilleria, ma conserva il suo stile in quanto si tratta di un gin estremamente morbido, che al palato risulta quasi leggero, delicato e ricco di sentori allo stesso tempo, proprio come i whisky Penderyn.

Concludiamo con una recentissima notizia: Penderyn ha annunciato che per il 2021 aprirà una seconda distilleria a Swansea, città costiera a sud del Galles. La struttura dove sorgerà si trova vicino al fiume Tawe e risale al 1808. Il progetto include anche un grande centro visitatori completo di bar, bancone per gli assaggi, negozio e spazio espositivo, che si prevede accoglierà oltre centomila visitatori all’anno. In bocca al lupo a Penderyn e… God Save the… Whisky!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

libero odio ut ante. dolor ipsum quis