Gastrobartender si nasce o si diventa?

Gastrobartender si nasce o si diventa?

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Il “gastrobartender” è solo un esercizio di stile o l’inizio di una nuova figura professionale? Ecco cosa ne pensa la nostra Gin Lady!

Pochi giorni fa ho assistito a una gara di bartending. La competition di Gin Mare, naturalmente in riva al mare, sulla spiaggia di Fregene, per decidere chi mandare alla gara mondiale che si svolgerà a Ibiza. Per inciso, il vincitore è stato Andrea Zapis del Barrumba di Rimini, che ha presentato ai giudici un elegante sour.

Ma non è di questo che vi voglio parlare, quanto della task proposta ai miscelatori da Gin Mare: un drink da gastrobartender, nella fattispecie con l’uovo fra gli ingredienti, cercando di dimenticare le atmosfere da vecchio Vov del nonno.

Gastrobartender, esercizio di stile o nuova figura professionale?

Andrea Zapis, vincitore della semifinale italiana della competizione per bartender Gin Mare Mediterranean Inspirations

Andrea Zapis, vincitore della semifinale italiana della competizione per bartender Gin Mare Mediterranean Inspirations

Ed è proprio questo termine che mi ha colpita: il “gastrobartender”. È solo un esercizio di stile o l’inizio di una nuova figura professionale?

Io mi avventurerei più sulla seconda opzione, perché secondo me i tempi sono maturi per dar vita a una nuova filosofia del miscelare, nonché del cucinare, scardinando i confini del bar e della cucina. Magari un domani cambieranno completamente anche i banconi ed entreranno di diritto nei must have dei bartender giocattoli che già hanno fatto la felicità dei cuochi, come l’abbattitore o il roner, ovvero l’aggeggio che raffredda congelando in un attimo e quello che cuoce a bassa temperatura i cibi.

Mi aspetto che nascano (sempre in Spagna?) dei bartender alla Ferran Adrià, che con la tecnica e le loro idee prorompenti rivoluzionino il mondo della miscelazione. È già stato in parte così con la sferificazione o altre malie da bartender molecolari, ma il vero gioco non è solo quello di creare forme dai liquidi, ma anche di giocare con gli ingredienti per dar vita ad atmosfere completamente nuove.

Giorni fa ho visto la puntata di un talent, credo fosse Master Pasticcere Francia, in cui la task era la seguente: hai una dispensa intera, preparami un dolce che sappia per esempio di vaniglia, non utilizzando la vaniglia. Ecco, questa è la sfida, secondo me, che potrà in futuro avvicinare davvero bartending e cucina: lavorare per creare le emozioni di un piatto, facendolo diventare liquido.

Un gioco, certo, ma che dimostrerebbe una grande conoscenza da parte di chi vince questa partita, oltre che una raffinatezza e una mente fuori dal comune. L’ho già detto su queste colonne: sono convinta che sia la conoscenza che può fare la differenza. Studiate, ragazzi, studiate: quella barricata non si potrà mai saltare se non conoscerete a fondo gli ingredienti della miscelazione, anche quelli più reconditi. Non solo, se vorrete diventare un gastrobartender, dovrete interessarvi anche agli ingredienti della cucina e diventare una specie di database umano del gusto.

Buon lavoro!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

b6718002ae199351acbe79655193bc9aqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqq