Juniper Green Trophy Gin

https://ilgin.it/wp-content/uploads/2016/09/Juniper-Green-Trophy-gin-bottiglia.jpg
Acquista su GinShop.it

Regno Unito

Dettagli

METODO
London Dry
PRODUTTORI
The Organic Spirits Co
GRADAZIONE
43%
IMPORTATORI
Mediland Srl
PROVENIENZA
Regno Unito
SITO WEB

Botaniche principali

Coriandolo >
Ginepro >
Radice di Angelica
Santoreggia

Tutte le botaniche

Coriandolo >
Ginepro >
Radice di Angelica
Santoreggia

Gusto

Al naso Juniper Green Trophy risulta balsamico ed erbaceo, mentre al palato si sprigionano le note del ginepro, seguite poi dalle più fresche note agrumate e dal sapore morbido delle note speziate delle radici, le quali proseguono durante il finale lungo e intenso.

Curiosità

Il nome “Trofeo” è dovuto al fatto che questo gin, come il Juniper Green classico, ha vinto numerosi premi: si è aggiudicato il trofeo IWSC London Dry Gin 2015, selezionato tra oltre 90 gin dopo una serie di degustazioni a occhi bendati da parte di 7 esperti mondiali di gin. Come Juniper Green, il Trophy è un gin a base di botaniche organiche coltivate in maniera biologica, raccolte a mano e subito essicate dalla Organic Herb Trading Co. nel Somerset (UK), e contiene ginepro certifico “FairWild”, cioè equosolidale, proveniente dalla Bulgaria. La prima fondamentale distillazione avviene nella tenuta dove vengono coltivati i cereali, rendendo l’alcol usato veramente unico. Il terreno è destinato alla coltivazione biologica da 35 anni e da 12 biodinamica. Tutti i gin della gamma “Juniper Green” sono distillati da Charles Maxwell, Mastro Distillatore, discendente da una famiglia di distillatori con tradizioni secolari, nell’unica distilleria ancora presente nel centro di Londra, la Thames Distillery, in due piccoli alambicchi per gin chiamati Tom Thumb e Thumberlina (Pollicino e Pollicina, come i personaggi della fiaba).

Produzione

Juniper Green Trophy è prodotto e imbottigliato presso la Thames Distillery di Londra, dove viene distillato secondo il tradizionale metodo “London Dry” dal grande master distiller Charles Maxwell.

Parlano di questo gin

Ti potrebbero interessare anche...