L’american bar del The Savoy presenta il nuovo menù London style

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Si chiama The London Menu ed è la nuova proposta del famoso American Bar del The Savoy di Londra con cocktail che si ispirano alla capitale inglese

Un viaggio inedito tra i quartieri londinesi è ciò che promette il nuovo menù dell’American Bar del The Savoy di Londra. I clienti già da lunedì hanno potuto provare i 24 cocktail del London Menu ispirati ai sei quartieri che circondano l’Hotel. Attraverso una combinazione fra teatro e storytelling il servizio è pensato come a una guida interattiva attraverso i luoghi più e meno conosciuti della città, un viaggio nella storia, ma con riferimenti alla contemporaneità. Grazie all’esperienza del Bar manager Declan McGurk, il menù è stato creato dal bartender Erik Lorincz con il suo team e l’impresa ha impiegato diversi mesi per essere compiuta.

Uno dei nuovi drink di punta è il Pickering Place, che porta il nome dell’ultimo luogo conosciuto dove si svolgevano i duelli e raccontato da un breve film muto. C’è un cocktail dedicato al famoso Abbey Road studio degli anni ‘60 e uno ispirato agli anni ‘80, il Punk Rock, mentre tra i più “moderni” troviamo l’Olimpic Park, che prende il nome dal luogo costruito per le Olimpiadi di Londra del 2012.

Il nuovo “London Menu” del The Savoy è completamente ispirato alla città di Londra

Un'immagine promozionale del The Savoy

Un’immagine promozionale del The Savoy

Joe Wilson è l’artista che si è occupato del pop-up menù e che ha creato una serie di illustrazioni fatte a mano rappresentative della storia che si cela dietro ogni cocktail.

McGurk, parlando del nuovo menù, ha dichiarato: “In pratica quando abbiamo avuto l’idea volevamo fare un menù che celebrasse Londra. Nel crearlo ci siamo resi conto che si adattava perfettamente alla tradizione dell’American Bar di raccontare storie attraverso i cocktail.”

I personaggi citati nelle storie sono molteplici, da Charlie Chaplin ai Beatles. I quartieri invece sono: Westminster, the City, Camden, Hackney, Islington e Tower Hamlets, Greenwich e Covent Garden.

Ecco alcuni dei cocktail scelti da The Drink Business:

  1. Green Park (16£): Jensen’s Old Tom Gin, succo di limone, sciroppo, amaro al sedano, bianco d’uovo e basilico.
  2. Policeman’s Hook (25£): Haig Club Grain Whisky, amontillado Sherry, roasted fortified kombu, sciroppo d’orzo tostato e bitter all’Angostura. Servito in una tazza blu elettrico come la bottiglia del whisky di David Beckham Haig Club. Il nome si riferisce ad un uncino appeso dagli anni ‘30 in Great Newport Street, dove i poliziotti che dirigevano il traffico attorno a Covent Garden appendevano i cappotti.
  3. Bronze Guardian (16£): Grey Goose Vodka, mela, lime, camomilla, verbena lemon, succo di limone e sciroppo. Il nome si riferisce alla statua del Conte Peter of Savoy che si staglia all’ingresso dell’hotel. Count Peter costruì un palazzo in quel luogo dopo che gli fu data la proprietà da Re Enrico III, sposato con la nipote, nel 1242. Il Savoy Palace fu distrutto durante la rivolta del 1381 e nel 1889 al suo posto venne costruito l’attuale luogo che ospita l’hotel.
  4. Pickering Place (50£): è composto da due cocktail, The Elegant (Bombay Sapphire Gin, Cocchi Rosa, Campari, succo di limone, bianco d’uovo, sciroppo allo zafferano e Champagne) e The Bold (Jack Daniel’s Single Barrel, Fernet Branca Menta, Byrrh, sciroppo e caffè). Pickering Place è la piazza più piccola di Londra e spesso vi si svolgevano duelli.
  5. Abbey Road (16£): Si trova nella sezione del menù dedicata a Camden e contiene Star of Bombay Gin, Martini Rubino, succo di limone, succo di yuzu, Champagne syrup e citrus dust. Rende omaggio allo studio dove i Beatles, gli Hollies e i Pink Floyd hanno registrato i loro album più importanti negli anni ‘60.
  6. Secret Agent (16£): Woodford Reserve Bourbon, Laphroaig whisky, Cocchi Amaro, assenzio, succo di limone.sciroppo e bianco d’uovo. Si trova nella sezione su Hackney e si riferisce ai Gainsborough Pictures film studios fondati nel 1924 e dove venivano prodotti film di serie B e melodrammi. Qui Alfred Hitchcock ha filmato alcuni dei suoi classici, ma gli studi sono stati demoliti nel 2002.
  7. Punk Rock (16£): Si trova nella sezione su Islington e contiene Bacardi Superior Rum, Ancho Reyes, succo di pompelmo, Peychaud’s bitters e hickory. Si ispira al pub Hope and Anchor in Upper Street, frequentato dai punk degli anni ‘70, tra i quali i Dire Straits e i Police.
  8. Old terrace House (20£): Siamo sempre nella sezione di Islington e nel bicchiere troviamo Jack Daniel’s Single Barrel, Crème de Cassis, Lagavulin, Byrrh, assenzio, granatina e bitter all’Angostura. Il cocktail rende omaggio a quelle che pare siano le più antiche casette a schiera di Londra, costruite nel 1658 in Newington Green e sopravvissute al Grande Incendio di Londra e alle due Guerre Mondiali.

Fonti:

  1. http://www.thespiritsbusiness.com/2016/01/savoys-american-bar-announces-london-inspired-cocktail-menu/
  2. http://www.thedrinksbusiness.com/2016/01/american-bar-launches-london-inspired-cocktails/
Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2020 - That's The Spirit SRL - PI/CF 03553861208 - Tutti i diritti riservati