News

Il governo lavora con i bartender americani per aiutare i produttori di alcolici italiani

Vanessa Piromallo
July 22, 2021

Spirits Promotion Project è il progetto del governo italiano per aiutare l’industria degli alcolici incentivando il mercato statunitense.

Il progetto del governo italiano si chiama Spirits Promotion Project ed è stato creato dall’Italian Trade Agency al fine di provare a porre un rimedio almeno parziale alle perdite subite dai produttori italiani di alcolici a causa dell’assenza di turismo dagli Stati Uniti nel nostro paese in questo anno per via della pandemia mondiale. L’idea è quella di coinvolgere i bartender americani per incentivarli ad utilizzare i nostri prodotti e nel migliore dei modi, così anche da poterli spiegare ai consumatori.

Educare è la parola chiave per la ripresa del settore

Sono moltissime le aziende italiane che hanno aderito al progetto, da quelle più grandi con prodotti già ben noti come Aperol e Fernet-Branca a quelle più piccole con prodotti un po’ meno conosciuti oltreoceano come Pallini Peachcello, Anisetta Meletti, Amaro Varnelli e Amaro dell’Etna.

Il programma del Spirits Promotion Project prevede una serie di seminari virtuali finalizzati a convincere i bartender e i mixologist statunitensi a proporre i distillati italiani ai propri clienti. Gli eventi sono anche volti a educare gli addetti del settore per un ottimale utilizzo dei prodotti italiani come amari, vermouth, grappe e limoncelli. Ulteriori eventi, anche in presenza, organizzati in collaborazione con la United States Bartenders’ Guild, si terranno durante le manifestazioni  Bar Convent Brooklyn e Tales of the Cocktail.

La Italian Trade Organisation ha anche creato un ricettario rivolto ai consumatori con una guida all’uso dei distillati e dei liquori italiani. Ted Carducci del Gruppo Montenegro ha sottolineato quanto sia fondamentale coinvolgere chi lavora nei bar per educare i consumatori; ha spiegato che gli studenti più attenti e appassionati sono proprio i bartender e “quando le storie vengono raccontate, i processi produttivi spiegati e infine un distillate viene assaggiato liscio o in un cocktail, il cliente ricorderà lo zelo con cui il bartender ha presentato queste informazioni.”

Questa iniziativa è particolarmente importante perché il calo del turismo ha colpito l’Italia molto duramente e si è stimata una perdita nel 2020 di circa 144 miliardi di dollari. Inoltre le esportazioni dei distillati italiani hanno sofferto anche dalla guerra tra Stati Uniti, Europa e Regno Unito che non sempre hanno raggiunto adeguati accordi per le tariffe doganali di questa categoria merceologica. Sicuramente i prodotti italiani continuano ad essere molto apprezzati nel mondo e siamo fiduciosi che nel futuro questa critica situazione possa migliorare, ma riteniamo sia fondamentale, soprattutto per i piccoli produttori, fare rete e associarsi per diventare più forti tutti assieme.

Lascia un commento

Conferma

dioniso truffle gin (1)
Recensioni
Dioniso Truffle Gin, l’oro bianco e l’oro nero catturati in un distillato
Papillon-gin
News
Come salvare farfalle e scarafaggi bevendo gin: Papillon Gin e Carabus Gin
limone jerbario
Ricette
Torta allo Yogurt al Gin Tonic

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News