Recensioni

Mr. Nero Gin, il gentleman gourmet all’aglio nero

Elisabetta Lugli
July 21, 2021

Un nuovo gin italiano che vi lascerà a bocca aperta (ma con l'alito profumato): Mr. Nero Gin è il primo gin al mondo con aglio nero!

Il periodo del lockdown, tra le altre cose, è stato un momento sospeso durante il quale non è mancato il tempo per pensare. Pensare tanto a volte può essere un male, altre invece è decisamente un bene e produce idee buone e brillanti. Come Mr. Nero, il gin all’aglio nero nato dalI’idea che ha avuto GianMarco Nardo durante il novembre scorso. Abbiamo parlato con lui per farci raccontare tutta la storia di questo gin così speciale, ecco cosa ci ha detto.

L’aglio nero è una prelibatezza, dal gusto delicato che funziona anche nel gin!

GianMarco, raccontaci come è nato Mr. Nero Gin.

Come dicevamo, in lockdown c’è stato tanto tempo per pensare. Io faccio il consulente nel mondo del beverage e in quel periodo collaboravo con una piccola società che si occupa di produrre aglio nero, un prodotto gourmet tipico delle culture orientali. La mia idea è stata quella di unire il gin a questo prodotto particolare, ed è così che è nato Mr. Nero Gin.

mr nero gin

Raccontaci di più riguardo all’aglio nero, come si ottiene?

Per ottenerlo, si mette l’aglio normale – nel caso del mio gin, tutto aglio italiano – in una speciale camera di fermentazione per 30/40 giorni e l’aglio si trasforma. Quello che si ottiene, l’aglio nero, si usa nella cucina gourmet, è utilizzato anche da molti chef stellati. La parola “aglio” può spaventare, ma quello nero è un prodotto armonico, gradevole, molto meno invasivo del classico aglio e il suo gusto somiglia a quello della liquirizia.

Parliamo di Mr.Nero Gin, quali sono le sue caratteristiche?

Mr. Nero è un Distilled Gin nel quale l’aglio nero è la botanica distintiva. Le altre botaniche principali sono il ginepro, ovviamente, e poi il mandarino, il timo e il cetriolo. L’aglio nero è presente sotto forma di alcolato che viene integrato alle altre botaniche. Il risultato è un distillato molto ricercato e particolare, che richiama il sapore della liquirizia. Sono molto soddisfatto di Mr. Nero Gin, perché anche i professionisti del settore lo hanno apprezzato molto.

Acquista

Come è nato il nome del tuo gin, Mr.Nero, e a cosa s’ispira la sua etichetta con il cilindro?

Volevo richiamare l’aglio nero senza citarlo. La parola “Mr” dà l’idea di un prodotto internazionale e signorile, che può essere adatta anche fuori dall’Italia, e identifica un concetto di qualità. Il cappello sull’etichetta ricorda un po’ il proibizionismo, l’epoca degli speakeasy e richiama, come il nome, quel concetto di signorilità che volevo evocare. La fascia verde sul cappello richiama invece la speranza, in un periodo difficile, ora che ne abbiamo bisogno tutti quanti.

Come consigli di gustare Mr. Nero Gin?

Mr. Nero nel gin tonic va gustato con una tonica neutra perché il gusto dell’aglio nero deve sentirsi, non si devono alterare le sue caratteristiche. Come garnish consiglio un paio di bacche di ginepro. Per creare altri mix, ci va qualcosa di secco: Mr. Nero è perfetto per creare un Bloody Mary rivisitato, ad esempio. Anche liscio in purezza è ottimo, lo consiglio ai puristi e agli esperti.

Acquista

Mr. Nero ha anche ottime potenzialità come gin da pasto: per ottenere i risultati migliori bisogna studiare gli abbinamenti, ci sto ragionando con uno chef per trovare i match perfetti. La mia idea è che Mr. Nero si abbini perfettamente soprattutto con antipasti e secondi.

Hai in cantiere altre idee per il futuro?

Per il momento non sto pensando ad altri prodotti, mi concentro su Mr. Nero Gin: è un distillato che va molto raccontato, comporta un lavoro maggiore rispetto ad altri. Una delle mie idee per il futuro è quella di proporre un cambiamento nella veste estetica della bottiglia di Mr. Nero, modificandola ogni anno, mantenendo il logo ma proponendo una diversa forma per ogni annata. Inoltre, intendo implementare gradualmente la produzione. Poi si vedrà!

Acquista

Lascia un commento

Conferma

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News