Mataroa Mediterranean Dry Gin

https://ilgin.it/wp-content/uploads/2021/02/Mataroa-ilGin.jpg
Disponibile su GinShop.it

Grecia

Dettagli

METODO
London Dry
PRODUTTORI
Melissanidi distillery
GRADAZIONE
41.5%
IMPORTATORI
Convivio di Sveglia G.
PROVENIENZA
Grecia
SITO WEB

Botaniche principali

Ginepro >
Angelica >
Lavanda
Coriandolo >
Radice di Iris
Foglie di Alloro

Guarda tutte le botaniche

Tutte le botaniche

Ginepro >
Angelica >
Lavanda
Coriandolo >
Radice di Iris
Foglie di Alloro
Liquirizia
Scorza d'Arancia
Scorza di Limone
Scorza di Mandarino
Camomilla
Mastiha

Gusto

Al naso le note di ginepro di Mataroa Mediterranean Dry Gin si uniscono a note freschissime con tocchi agrumati e floreali e alla nota erbacea dell’alloro ammorbidita dalla liquirizia. Al palato è asciutto, complesso e ben integrato. Il ginepro si bilancia con le erbe, note di radice e agrumi e una notevole freschezza di mastiha. Pulito e persistente, il retrogusto è coerente con il naso e piacevole.

Curiosità

Composto da dodici botaniche, Mataroa Mediterranean Dry Gin racchiude nella sua bellissima bottiglia tutti i sapori delle coste del Mediterraneo. Prendendo spunto dal viaggio tra i sapori di questo Gin, è stato scelto il nome Mataroa, la gloriosa nave neozelandese, simbolo della devozione e della forza dello spirito umano, che, durante la Seconda Guerra Mondiale, mise in salvo molte vite umane fra cui i più grandi intellettuali greci navigando in tutto il Mar Mediterraneo.

Produzione

La prima fase della creazione di Mataroa Mediterranean Dry Gin è la selezione delle migliori materie prime con i criteri più rigorosi: Bacche di ginepro dalla Croazia, radice di angelica e lavanda dalla Francia, semi di coriandolo dalla Tunisia, radice di giaggiolo dall’Italia, foglie di alloro dalla Siria, liquirizia dalla Turchia, Scorze d'arancia dalla Spagna, Scorze di limone dall’Egitto, Scorze di mandarino dal Marocco, camomilla da Cipro e la preziosa Mastiha dell’isola di Chios (Grecia). Si procede quindi ad estrarre gli aromi di ginepro dopo alcune ore di macerazione in soluzione idroalcolica, mentre gli altri ingredienti vengono posti nell’alambicco in un apposito cestello di rame così che con la distillazione subiscano un processo di infusione a vapore.

Ti potrebbero interessare anche...