Notizie

Gin Baciamano: la sfida vincente del Made in Italy

Vanessa Piromallo
February 3, 2021

Bottiglia quadrata, etichetta colorata, gin particolari: se frequentate l’ambiente del gin avrete di certo notato la gamma Baciamano. Gin estrosi, che non lasciano indifferenti, con poche botaniche ma gusti incredibili che trasformano la miscelazione in un successo con facilità. Ci siamo fatti raccontare da uno dei due creatori della gamma, Simone Bozzini, la storia e i segreti del brand, di questo progetto che porta in alto la bandiera del Made in Italy negli Stati Uniti e in Europa.

baciamano gin

Come nasce Baciamano?

Il brand Baciamano nasce dai viaggi che abbiamo fatto e dalle nostre esigenza di crescita personale. Viaggiamo, assaggiamo e facciamo esperienze, da qui la voglia di creare prodotti nostri. Bevo gin da oltre trent’anni: dovevamo fare il nostro brand quasi per forza! Così oltre a essere importatori potevamo diventare anche esportatori del nostro prodotto.

Abbiamo lanciato il progetto di Baciamano nel 2017 e non solo il mercato del gin era già importante, ma avevamo anche notato la mancanza di gin semplici, monobotanici (adesso ce ne sono molti di più). I gin che abbiamo creato sono poi stati testati sul Martini e sul Negroni perché sono i nostri cocktail preferiti.

Il primo gin che abbiamo lanciato è stato il Gin Baciamano 58, a 58°, poi – visto che non sono tutti bevitori estremi, abbiamo fatto la versione a 45°, Gin Baciamano 45. In seguito sono arrivati gli altri gin e gli altri distillati e non abbiamo nessuna intenzione di fermarci qui!

Faccio liquori in casa da quando sono ragazzino e mi piace moltissimo parlare con le signore che fanno i loro liquori casalinghi, per questo voglio presentare anche prodotti che derivano da tradizioni ormai quasi dimenticate. Per esempio la ricetta dell’Amaro Baciamano è ispirata a quella della zia di un amico che sta in montagna e utilizza erbe del luogo. Ovviamente non ci limitiamo a prendere una ricetta, ma c’è sempre un grande studio alle spalle. Tutti i prodotti hanno la loro storia, dalla liquirizia alla sambuca (che non facciamo in modo tradizionale): vogliamo dare piacere con il gusto, ma anche emozionare.

Come sono state sviluppate le ricette dei prodotti Baciamano?

Per la realizzazione del Gin Baciamano 58 abbiamo cercato un ginepro poco resinoso, morbido e molto versatile. Abbiamo selezionato queste bacche per la loro spiccata sapidità che si riscontra solo nelle piante delle zone influenzate dal mare e che si differenzia anche a seconda del mare. Quelle da noi scelte provengono dalle costa balcaniche del Mar Mediterraneo, tra Montenegro e Albania, perché a differenza di altre bacche di ginepro di diverse zone marine, queste hanno la sapidità, morbidezza e versatilità che si adattavano al nostro blend. La decisione è stata influenzata proprio dall’esperienza accumulata durante i nostri viaggi.

Essendo un gin monobotanico avevamo bisogno di un ingrediente dalla ricca profumazione e abbiamo utilizzato una quantità quasi doppia di ginepro rispetto a quella solitamente usata nei gin. Infatti se sentono i ricchi profumi del ginepro e del mare. Per noi era fondamentale ottenere un gin facile da utilizzare e che potesse piacere a tutti. E’ infatti perfetto per un Negroni classico, come una volta, e anche nel Martini è dritto.

Nello sviluppo dei gin successivi abbiamo cercato cose un po’ folli da immettere nel mercato perché è nel nostro DNA, siamo estrosi.

Baciamano Old Tom Gin nasce dalla collaborazione con un amico apicoltore che sta sulle Dolomiti e ci ha fornito il miele per dolcificare il distillato. Ci piaceva l’idea di rimanere nei nostri territori visto che siamo un milanese DOC e un bellunese DOC.

Baciamano Hibiscus Gin invece si ispira ai nostri viaggi in Africa. Siamo grandi amanti del karkadè, bevanda tipica di molti paesi arabi e africani ottenuta dai fiori di ibisco. Il gin con all’ibisco non è dolce, ha note acide ma non citriche e con un’acqua tonica dolce diventa la classica bibita che potresti gustarti in Marocco. Il gin è tagliato con acqua infusa di Ibisco, praticamente un tè, ed è per questo che è così speciale.

Il Gin Baciamano (Cum Grano) Salis è la massima espressione della nostra follia: abbiamo aggiunto l’acqua di mare ai massimi livelli al punto che capita che ci dicano che il gin liscio sia imbevibile, ma basta aggiungere l’acqua tonica ed ecco che in modo facile hai ottenuto un Gin Tonic particolare, dissetante e fresco. Non bisogna nemmeno cercare una tonica particolare perché quelle classiche dolci sono perfette per il Gin Salis e insieme danno vita a una bibita pazzesca grazie al piacevole contrasto tra salinità e dolcezza, lo stesso che rende buonissime le brioche salate.

Anche l’idea di un gin all’acqua di mare deriva dalle nostre esperienze di lavoro. Abbiamo provato a farlo e ci è piaciuto. Siamo contenti perché in miscelazione funzione e lo stiamo vendendo bene. Uno dei cocktail più apprezzati è il nostro “Negroni di Mare” perché la salinità viene smorzata dalla dolcezza del vermouth, ma rimane sulle labbra la sensazione salata come quando fai il bagno in mare ed esci dall’acqua: è come avere l’estate in bocca tutto l’anno! Anche nel Martini può piacere molto, ma è importante che il bravo barman riesca a diluirlo al punto giusto.

Abbiamo fatto anche la vodka salata e va molto in Inghilterra. E’ prodotta con alcol biologico italiano di alta qualità. Ci ha dato una grande soddisfazione perché ha vinto la medaglia d’oro alla London Spirits Competition e il gin e l’amaro hanno ottenuto l’argento! Anche l’Amaro Baciamano dà soddisfazioni perché sta andando piuttosto bene. Ha poche botaniche selezionate, ma quella che lo rende particolare è l’assenzio. Abbiamo fatto anche due bitter a 26°, perché siamo milanesi e non potevamo evitare di fare i bitter!

Baciamano su GinShop

Quali sono i progetti nel futuro di Baciamano?

E’ in arrivo, ma riservato solo a chi lo richiede, il gin a 78°. Lo abbiamo creato un po’ per goliardia, ma anche per alcuni barman che in alcune lavorazioni hanno bisogno di qualcosa che dia corpo al drink. In futuro arriveranno anche altri prodotti, sempre con la stessa filosofia estrosa del gin utilizzando tagli particolari, come è stato per l’acqua di mare e l’infuso di Ibisco: è la nostra tecnica, la nostra cifra distintiva.

Un’altra novità importante è che proprio in questi giorni stiamo aprendo il nostro liquorificio e quindi la produzione diventerà interna. Il progetto è nato da collaborazioni strette durante le difficoltà della quarantena, si fa di necessità di virtù e almeno il doversi fermare ha portato a qualcosina di buono. Nel nostro liquorificio inizialmente produrremo solamente la linea Baciamano e mignon. Poi lanceremo due gin, un amaro e un vermouth nuovi, quindi stiamo preparando tante belle sorprese per i nostri clienti. Noi facciamo molto export negli Stati Uniti e in Europa e l’idea è quella di continuare a fare prodotti che siano apprezzati nei mercati esteri oltre che in quello italiano e per ora siamo contenti perché chi beve i nostri distillati li apprezza e continua ad acquistarli.

Acquista

Come nasce il packaging particolare di Baciamano?

La scelta di utilizzare una bottiglia quadrata per la linea Baciamano è anch’essa collegata alle nostre esperienze. Veniamo dal settore della moda e anni fa avevamo avviato un progetto per un profumo per il quale avevamo scelto questa bottiglia. Quel progetto non è poi stato portato avanti, ma ci è rimasta la bottiglia e abbiamo pensato fosse perfetta, proprio pensando a tutto ciò che sapevamo delle bottigliere dei bar. Infatti si fa notare nelle bottigliere, è comoda da infilare nei buchi senza occupare spazio o rischiare che possa cadere e l’etichetta che gira nell’angolo fa sì che anche di lato si veda perfettamente quale prodotto sia. Inoltre non è facile applicare un’etichetta del genere, va messa a mano: ci piace fare le cose complicate, ma le motivazioni che ci sono dietro derivano da studi approfonditi. Ogni singolo aspetto è frutto di uno studio specifico, non è lasciato al caso.

Un altro aspetto che mi piace di questo tipo di bottiglia ed etichetta è che, mettendo i prodotti uno di fianco all’altro, si crea una vera libreria di alcolici, che è sempre stata una mia idea da realizzare. E poi dà colore alla bottigliera!

La bottiglia è un vero e proprio oggetto d’arredo, che si può conservare come una bottiglietta di Chanel N.5. Adesso la forma quadrata è più comune ma non ce ne sono come la nostra. Anche il tappo è personalizzato, disegnato da noi come lo volevamo noi. La presentazione del gin è avvenuta a Berlino e in tanti ci hanno chiesto dove avessimo fatto il tappo perché piace a tutti. Ogni prodotto ha il suo tappo e il suo colore perché, come dicevo, facciamo le cose complicate per passione. Abbiamo anche avviato un progetto per creare un nuovo tappo sempre grazie a opportunità che si sono aperte nell’ultimo periodo.

Abbiamo sempre fatto – e continueremo a fare – quello che vogliamo, senza farci influenzare, anche se ci infiliamo in cose complicate. Baciamano è un progetto ponderato, non nato dalla mattina alla sera. Per lo sviluppo del primo prodotto ci è voluto molto tempo, ma è questa cura che ci ha poi permesso di creare più facilmente i prodotti successivi. Non sono il tipo di persona che si alza la mattina e dice “faccio un gin”, per me è una sfida: i miei genitori sono imprenditori e quindi ho una mia spinta interiore a dare un risvolto imprenditoriale a ogni progetto, a non fare le cose tanto per farle.

E il nome Baciamano come nasce?

Il nome Baciamano ci è stato suggerito dall’agenzia di comunicazione di Belluno Larin, alla quale abbiamo affidato la costruzione del brand e che ha accolto il progetto con grande entusiasmo. Il suo team ci ha proposto alcuni nomi e Baciamano è piaciuto a entrambi da subito: un nome italiano ma internazionale, facile da ricordare e da pronunciare, non completamente traducibile nelle altre lingue.

Il logo è lineare e pulito. L’immagine rispecchia la semplicità dei prodotti e in fondo gli italiani sono persone semplici in senso positivo e vogliamo portare questa immagine in giro per il mondo.

Scopri i gin baciamano su GinShop

Lascia un commento

Conferma

royal bliss tonic water
Recensioni
I segreti del Gin Tonic perfetto con Royal Bliss Tonic Water
gin tonic gin you
News
La petizione per avere l’Emoji del Gin Tonic
sette ottavi bamboo gin
Recensioni
Sette Ottavi Bamboo Gin, il gin al bambù che arriva dalle colline del Roero

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News