Cocktail Allred in tre declinazioni per tre gin diversi

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Allred: un cocktail poco conosciuto, ma che può dare grandi soddisfazioni: però attenzione al gin che utilizzate con Vermouth rosso e Angostura

Il cocktail Allred è un altro piccolo gioiello sconosciuto ai più, molto intrigante e facilmente riproducibile anche a casa senza l’ausilio di tecniche e dosaggi complicati. Gli ingredienti sono piuttosto comuni, ma è la loro combinazione a rendere questo drink particolare e innovativo. Inoltre si contraddistingue per dei colori particolari che lo possono mettere al centro dell’attenzione delle nostre feste, rendendolo coreograficamente molto adatto per l’ultima parte di questo periodo natalizio, magari per un aperitivo di classe prima di tornare in piena routine lavorativa. Ma iniziamo con la ricetta del cocktail Allred:

  • 4 cl di Gin
  • 1 cl di vermouth rosso
  • 3-4 gocce di Angostura

Preparazione: versate tutti gli ingredienti in uno shaker colmo di ghiaccio e agitatelo bene. Filtrate il tutto in un piccolo bicchiere da cocktail con lo stelo, precedentemente raffreddato.

Ph. Paolo Topa

Ovviamente abbiamo provato il nostro Allred con tre diverse tipologie di Gin, in maniera tale da indirizzarvi al meglio su quale scelta operare in funzione dei vostri gusti e quelli dei vostri ospiti. Ci siamo orientati quindi su un Gin decisamente erbaceo (Tanqueray “Lovage”), su un London Dry fresco e delicato (la recente Limited Edition di Bombay Sapphire, la “English Estate”) e per finire su un Gin eclettico, fantasioso e plurisfaccettato come il The Greedy. Eccovi i risultati delle degustazioni…

Con il Tanqueray “Lovage” ci troviamo di fronte a un drink particolarmente solido. L’alta gradazione di questo Gin (47,3%) rendono l’Allred piuttosto robusto, un ottimo sostituto del Negroni. La parte vegetale è particolarmente accentuata (abbiamo scelto questo Gin proprio per questo motivo, in perfetta assonanza con l’Angostura) mentre è palese l’equilibrio gustativo con il vermouth. Il primo sorso può spaventare per una certa irruenza, ma in seguito le percezioni palatali si stabilizzano dando un grandioso senso di pienezza e appagamento.

Consiglio: Adatto a chi vuole premere sull’acceleratore.

Ph. Paolo Topa

Il secondo Allred lo abbiamo preparato utilizzando Bombay Sapphire “English Estate” e le cose non sono andate propriamente come si pensava: infatti le caratteristiche di questo delizioso Bombay sono un po’ venute meno in questo cocktail. Le note fresche di menta e le sensazioni di nocciola tostata sono rimaste schiacciate dall’esuberanza del vermouth (abbiamo usato il Vermouth Del Professore, paradossalmente “troppo” complesso in abbinamento all’English Estate) tanto da aver avuto la sensazione di avere in qualche mancato il bersaglio. Angostura? Anch’essa Non pervenuta. Peccato.

Consiglio: usate il Bombay English Estate per un ottimo G&T.

Ph. Paolo Topa

Terzo drink: per controbattere la delusione del precedente cocktail ci affidiamo a un Gin decisamente diverso, il Greedy. La complessità è il lato forte di questo distillato e in effetti ci ritroviamo nel bicchiere un concentrato di aromi e sapori che però, in qualche modo, relegano in secondo piano il vermouth. Nella sostanza, in questo caso, l’Allred soffre del problema inverso rispetto a quello riscontrato con l’utilizzo del Bombay English Estate, in quanto abbiamo riscontrato uno sbilanciamento nelle percezioni a favore del Gin.

Consiglio: A questo punto provate il Greedy direttamente on the rocks…

A conti fatti possiamo dire che questo cocktail non è per niente semplice. La scelta del giusto Gin non è uno scherzo, in quanto l’equilibrio con il vermouth rosso e le poche gocce di angostura sono un affare complesso da realizzare. Lo abbiamo imparato sulla nostra pelle, ma ciò significa anche che è possibile – anzi necessario – ragionare ogni volta sul Gin da utilizzare, valutando caratteristiche, peculiarità e botaniche, al fine raggiungere il massimo dell’espressione nella realizzazione dell’ Allred. Mi raccomando quindi: massima attenzione e buona conoscenza del singolo prodotto che andiamo a utilizzare!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2020 - ilGin.it Tutti i diritti riservati