Gin Lover anche d’estate, bevendo Pink Gin

Gin Lover anche d’estate, bevendo Pink Gin

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Fra una riunione dei martiniani e l’altra, Mauro Lotti, presidente onorario dell’associazione Martini&Friends, propone di riscoprire il drink di moda negli anni della Dolce Vita

È arrivata l’estate e anche gin lover e martiniani sono in riva al mare. Ed è proprio a un passo dal mare, a Capalbio, che si riuniranno i soci di Martini&Friends, invitati per l’occasione alla Locanda Rossa, dove il The Gin Corner d’estate si sdoppia per preparare i suoi migliori drink a tutti i suoi appassionati. La serata Martini&Friends si svolgerà il prossimo sabato 27 luglio, ci saranno il mitico presidente onorario dell’associazione, Mauro Lotti, e Angelo De Valeri, il bartender del The Gin Corner, in trasferta per preparare degli estivi Martini floreali.

Pink Gin, per un’estate da veri martiniani

Per gli amici che non potranno partecipare, Mauro Lotti però ha pensato a un piccolo regalo, ovvero un suggerimento per l’estate: rispolverare un drink a base gin purtroppo dimenticato, ma che meriterebbe di essere riportato in auge. Si tratta del Pink Gin, il cocktail che andava tanto di moda negli anni della Dolce Vita, ovvero dalla metà del Novecento.

“La ricetta – racconta Lotti – è estremamente semplice, ma il procedimento è assolutamente rigido. Si prende un bicchiere con lo stelo, di quelli da vino, quindi si bagna il fondo con qualche goccia di angostura e la si fa roteare all’interno in modo che si stenda l’eccesso sulla superficie del bicchiere. Quindi si versano 4cl di gin e si allunga con acqua gelata, appena presa dal freezer oppure raffreddata un po’ con ghiaccio appena si inizia la procedura, ma assolutamente senza far andare il ghiaccio del bicchiere”. La quantità dell’acqua? Lotti risponde in maniera sibillina “quanto basta”, ma d’altra parte ogni gin lover sa che nei cocktail come il gin tonic il distillato va allungato anche in base alle preferenze di chi beve, ovvero se gradisce un drink più o meno alcolico, ma anche di un rosa più o meno intenso.

Per la cronaca, in commercio si trovano diversi Pink Gin già imbottigliati, tuttavia sono raramente ispirati alla ricetta di cui sopra, quella con l’angostura, ma prendono piuttosto la colorazione da aggiunte fruttate, come il rabarbaro o i frutti rossi. Questi ultimi, inoltre, hanno normalmente una gradazione alcolica piuttosto alta e vanno quindi trattati come se fosse gin in purezza e utilizzati per esempio per un gin tonic dal sapore fruttato.

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati