News

Sake Viva: come il Giappone vuole convincere la gente a bere più alcolici

Vanessa Piromallo
August 23, 2022

Sake Viva! è la competizione lanciata dal governo giapponese per trovare idee per convincere i giovani a bere più alcolici...

Da qualche giorno circola la notizia, corredata da meme, sul fatto che il governo giapponese voglia incoraggiare la popolazione a bere più alcol. Sembra strano, ma è tutto vero: nello specifico, ha dato il via a una competizione dove i partecipanti devono proporre idee che incoraggino la popolazione a consumare più alcolici in quanto i giovani bevono molto meno, facendo entrare minori tasse nelle casse del governo.

“In Giappone, la tendenza a bere meno alcolici ha provocatoil maggior declino delle entrate fiscali in oltre 30 anni”

La campagna si chiama Sake Viva! ed è promossa dalla NTA, National Tax Agency, e si rivolge alla fascia d’età 20-39, a cui viene chiesto un aiuto per aumentare la popolarità delle bevande alcoliche fra i giovani tramite proposte di nuovi prodotti e design oltre che modi per promuovere il consumo a casa, incitando a utilizzare ogni mezzo comunicativo attuale, compreso il metaverso. La competizione si chiuderà il 9 settembre mentre il vincitore sarà annunciato il 10 novembre durante una cerimonia di gala a Tokyo.

In base alle statistiche della NTA, il consumo di alcol in Giappone è sceso dai 100 litri pro-capite del 1995, ai 75 litri nell’anno fiscale 2020, provocando il maggior declino delle entrate fiscali in oltre 30 anni. Una raccolta, quella del governo sui produttori di alcool, che si aggirava intorno al 5% del totale nel 1980 e che adesso si assesta all1,7%, secondo un’indagine del Japan Times. Troppo poco per un Paese che ha un deficit di bilancio cronico e un debito pubblico equivalente a più del doppio del prodotto interno lordo.

L’agenzia ha dichiarato al giornale che lavorare da casa per via dell’emergenza Covid-19 ha spinto molte persone a mettere in questione la necessità di farsi una bevuta coi colleghi per stringere i rapporti. Se questa idea dovesse mettere radici sarebbe un bel problema per gli incassi statali provenienti dalle tasse sull’alcol. Anche il consumo di birra è sceso significativamente, con volumi di vendita scesi del 20%, come confermano anche i dati rilasciati dal produttore Kirin.

Da un punto di vista etico si potrebbe mettere in dubbio la scelta del governo giapponese e anche il ministero della sanità del paese ha dichiarato che spera che la campagna si preoccupi anche di specificare di bere “solo una quantità appropriata di alcol.” Sicuramente la discussione è infatti aperta e mette in luce aspetti molto difficili nel nostro settore, che riguardano i rapporti con i governi, le leggi e la questione sanitaria.

Alcune fonti:

Lascia un commento

Conferma

Still33 Premium Collection
Recensioni
Still 33, il Proibizionismo va in scena in Sudafrica
friuli fred jerbis polcenigo
News
Viaggio in Friuli alla scoperta del territorio con Fred Jerbis
EG_Wildlife Warrior Mood10 copy
News
Elephant Gin Wildlife Warrior, edizione limitata Natale 2022 per salvare gli elefanti

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News