Recensioni

Dioniso Truffle Gin, l’oro bianco e l’oro nero catturati in un distillato

Elisabetta Lugli
September 24, 2021

Scopriamo con uno dei suoi creatori Dioniso Truffle Gin, il gin italiano con tartufo bianco e tartufo nero Pregiato

Oro bianco e oro nero, due soprannomi molto azzeccati per due tipologie di tartufi che sono l’emblema delle materie prime di assoluta eccellenza per le quali l’Italia è famosa in tutto il mondo. Non a caso i due creatori di Dioniso Truffle Gin, Jacopo e Gabriele, sono entrambi originari dell’Umbria, una delle regioni più vocate per quanto riguarda l’alta qualità del celebre fungo ipogeo che da secoli delizia gli esseri umani con il suo gusto unico. Abbiamo parlato con Jacopo per conoscere la storia del tartufo catturato in una bottiglia di gin. Ecco cosa ci ha raccontato.

Italian Truffle Gin affonda le proprie radici nella terra, dalla quale raccoglia il suo dono più prodigioso: il tartufo

Jacopo, come è nata l’idea di produrre Dioniso Truffle Gin, un gin al tartufo?

Gabriele, il mio socio, è un esperto di gastronomia e in particolare di tartufi. Io provengo dal mondo della mixology e degli eventi: l’idea di mettere il tartufo in un drink è nata un po’ per gioco, e si è trasformata in una ricerca durata circa un anno e mezzo.

Il nome del gin riporta la parola “truffle”, tartufo. Facile! Da dove arriva invece il nome “Dioniso”?

Dioniso è il nome che abbiamo scelto di dare al brand. Ovviamente è un chiaro tributo alla divinità greca, lo stesso dio che nella cultura latina porta il nome di Bacco. Parliamo del dio della festa e dell’ebbrezza, richiamato anche dal logo presente sulla bottiglia, che rappresenta il suo tempio. Questa ispirazione alla mitologia classica non si ferma solo al riferimento dionisiaco che ben si sposa con un distillato, va oltre: in epoca classica si pensava che il tartufo fosse l’afrodisiaco degli dei, nato dai fulmini scagliati da Zeus, uniti alla pioggia, contro le querce. Al giorno d’oggi sappiamo che la quercia è uno dei migliori alberi simbionti per il tartufo e la pioggia è necessaria perché proliferi!

Oltre al tempio, sulla bottiglia si vede un simbolo verticale, simile a un bastone.

Esatto: rappresenta il bastone di Dioniso, il sacro Tirso: leggenda vuole che dalla sommità di questo bastone scaturisse miele, che non a caso fa parte delle botaniche presenti in Dioniso Truffle Gin.

Acquista
dioniso italian truffle gin

A tal proposito, raccontaci delle botaniche e del metodo di produzione di Dioniso Truffle Gin.

Dioniso Truffle Gin è un compound, prodotto con ginepro, coriandolo, tartufo nero pregiato, tartufo bianco e miele d’acacia. Le due tipologie di tartufo prevedono un’estrazione e un’infusione per arrivare a due alcolati che vengono aggiunti a fine distillazione. Il miele d’acacia, di cui parlavamo riguardo alla leggenda legata a Dioniso, viene messo nella botte a fine distillazione e serve a creare un collegamento tra i due tartufi, il bianco e il nero pregiato.

Quali sono le caratteristiche di Dioniso Truffle Gin?

Dioniso Truffle Gin è un gin molto profumato, degustarlo è un’esperienza particolare perché abbiamo creato un sapore nuovo nel campo dei distillati. Non si piega alle stagioni, è perfetto per preparare drink estivi come invernali. Va benissimo sia in miscelazione sia da solo, e si può persino usare in cucina in alcuni piatti.

Acquista

Come consigli di degustare Dioniso Truffle Gin?

Se si vuole preparare un gin tonic, è importante che il bicchiere sia molto freddo. Come prima cosa si mette il distillato, poi si colma il bicchiere di ghiaccio e si aggiunge una tonica secca. Come garnish, noi produciamo dei vasetti di tartufo essiccato che sono perfetti: il tartufo immerso nel drink pian piano si reidrata, e a fine drink te lo mangi! 

Avete in cantiere la produzione di altri distillati?

Prima di tutto occorre dire che Dioniso è un brand che lavora su tre fronti: oltre al concetto del drink, c’è il food e ci sono gli eventi. Per quanto riguarda il food abbiamo già aperto una prima bottega, Dioniso Tartufi, a Venezia. Lì vendiamo il nostro gin e una serie di prodotti legati al tartufo. Presto ci saranno altre novità, sempre legate dal filo di Dioniso e della festa. L’idea è quella di aprire le nostre botteghe in tutte le città più importanti d’Italia e, perché no, di produrre altri distillati.

Prova Dioniso Truffle Gin

Lascia un commento

Conferma

cardenal mendoza brandy
Competizioni
Golden week 2021: partecipa alla Cocktail Competition di Cardenal Mendoza Brandy
buckingham palace gin
News
Oh No! Forse la Regina dovrà rinunciare al gin!
tutte (1)
Ricette
I Gin Cocktail per la tua Festa di Halloween

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News