Ukiyo, un percorso di degustazione con Patrick Pistolesi

Ukiyo, un percorso di degustazione con Patrick Pistolesi

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Nella Japanese Room del Drink Kong di Roma, un “mondo galleggiante” che passa attraverso una maratona di drink (molti a base gin)

Ci sono persone, amici e professionisti, che ti rimangono nel cuore. Uno di questi è Patrick Pistolesi, che per The Gin Corner è stato una figura importantissima: da bar manager ha dato impulso al locale, facendolo definitivamente conoscere come riferimento nel mondo del gin. È quando c’era lui che sono partiti progetti importanti come i due cicli di masterclass, nonché la rubrica The Gin Lady.

Oggi il buon Patrick va per la sua strada, da imprenditore oltre che da bartender, con il suo favoloso locale a cavallo fra Monti e Piazza Vittorio, in piazza San Martino ai Monti. Un cocktail bar dal sapore internazionale, dove l’acceleratore è spinto sull’esperienza, sia nel design che nella carta dei drink, che sono una vera sorpresa: voi scegliete base alcolica e colore, al resto ci pensano i bravissimi barman al bancone.

Drink Kong, nuove esperienze sensoriali nel “mondo galleggiante” di Patrick Pistolesi

Nelle varie sale si riconoscono gli interessi e la formazione di Patrick e dei suoi soci, ragazzi cresciuti negli anni Ottanta, che non vedevano l’ora di ricreare atmosfere da Blade Runner, di mettere due videogiochi Atari nel corridoio che porta alla toilette e che, come dice Patrick, sono “cresciuti con la televisione a fare da babysitter, guardando i cartoni animati giapponesi”.

Drink Kong (Ph. Alberto Blasetti)

È così che la ciliegina sulla torta di Drink Kong è la Japanese Room, una bomboniera in legno di ciliegio in cui Patrick si trova nel suo ambiente e invita a fare un’esperienza a cavallo fra i sensi, sapori e secoli. L’atmosfera è quella di una piccola sala ispirata agli “hidden bar” di Tokyo, come si diceva costruita in legno di ciliegio, con grandi guerrieri giapponesi sulla parete a fare da “custodi” della sala. Dieci posti per altrettanti commensali e il bartender a fare da “timoniere” e guidare l’esperienza Ukiyo che letteralmente vuol dire “mondo galleggiante”. Un percorso per pochi intimi che abbiamo avuto l’onore di fare in anteprima. In pratica Patrick (che afferma di essere un timido, ma non ci si crede molto) si mette in gioco e mentre miscela una “maratona di cinque drink” aiuta i commensali a scoprire che cosa piace loro, stimolando i cinque sensi. E che, nonostante Patrick affermi di credere poco nel food pairing, si rivela sorprendente anche in questo, grazie alla collaborazione di Marco Morello, che del Drink Kong ha studiato la proposta gastronomica.

Patrick Pistolesi

Ukiyo è un vero e proprio cocktail confidential che non poteva non iniziare con un Martini, anzi un Montgomery, tanto per preparare le papille gustative, insieme a un tortellino con una scaglia di parmigiano: “sentite l’Umami del parmigiano e apprezzate l’abbinamento con il Martini?”. Si sente ed è probabilmente l’apoteosi del pairing: gin e parmigiano è, come si dice, la morte sua. E ancora “salty&spicy” con il Bloody Mary nella versione di Patrick che anche se lo miscela con la vodka ricorda come questo drink sia figlio del Red Snapper (con gin) e lo serve con una coda alla vaccinara con tanto sedano: un abbinamento tanto fortunato che verrebbe voglia di versare il contenuto del bicchiere nel piatto e mangiare tutto a cucchiaiate. Poi è il turno del vero gusto bitter del Negroni con un pensiero al conte Camillo e ancora un White Lady per rinfrescarsi e per far sentire il piacere del sour. Infine il Lotus, un drink inventato dallo stesso Patrick che è un concentrato di perfezione, anch’esso a base gin e che non a caso si è rapidamente affermato come uno dei best seller del Drink Kong.

Ok, non è detto che ci sia sempre tanto gin, perché Ukiyo è l’idea del percorso, che può essere fatta per esempio con una degustazione di whisky, ma noi in questo viaggio fra secoli di drink nati a base gin ci siamo sentiti a casa, nel “mondo galleggiante” di Patrick Pistolesi.

(immagine di copertina: Alberto Blasetti)

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati