Peaky Blinder Spiced Dry Gin

https://manager.ilgin.it/wp-content/uploads/2021/04/Peaky-blinder-ilGin.jpg

Italia

Dettagli

METODO
Distilled
PRODUTTORI
Sadler’s established 1861
40
IMPORTATORI
Compagnia dei Caraibi
PROVENIENZA
Italia
SITO WEB

Botaniche principali

Ginepro >
Radici di Zenzero
Grani del Paradiso
Limone >
Cardamomo >
Coriandolo >

Guarda tutte le botaniche

Tutte le botaniche

Ginepro >
Radici di Zenzero
Grani del Paradiso
Limone >
Cardamomo >
Coriandolo >
Arancia Dolce
Angelica >
Ingrediente Segreto

Gusto

Al naso Peaky Blinder Spiced Dry Gin sprigiona decise note pepate unite a delicati sentori di ginepro e a calde note agrumate. Al palato è caldo e speziato, con note di coriandolo e cardamomo bilanciate dalle note di arancia dolce. Il finale è lungo e speziato, con sentori di zenzero e grani del paradiso.

Curiosità

Peaky Blinder Spiced Dry Gin è prodotto dalla Peaky Blinder, famiglia di birrai di quinta generazione che risale al 1861 e attualmente gestita da Chris Sadler. Con sede nel cuore della famosa e industriale "Black Country" inglese, nota durante la rivoluzione industriale per le sue miniere di carbone, fonderie e fabbriche. Sadler's non crede solo nell'artigianato, ma nel duro lavoro essendo fornitori di birra artigianale e liquori da generazioni. Sulla bottiglia di Peaky Blinder Spiced Gin è raffigurato Thomas Gilbert, diventato famoso col nome di Kevin Mooney, il membro più prominente della gang Peaky Blinder, la cui storia è diventata particolarmente nota grazie all’omonima serie televisiva. Il gin ha vinto diversi premi, tra cui la medaglia d’oro e la nomina di Best English Classic Gin ai World Gin Awards 2020.

Produzione

Realizzato in piccoli lotti, Peaky Blinder Spiced Dry Gin è distillato artigianalmente con nove botaniche selezionate. La miscela degli ingredienti è progettata per l’abbinamento con la cucina indiana, oggi popolare in quella che è chiamata la “Black Country” zona dell’Inghilterra nota per le miniere di carbone e dove la gang Peaky Blinder ha operato tra l’800 e il ‘900.

Parlano di questo gin

Ti potrebbero interessare anche...