Arbikie AK’s Gin: dai campi di grano alla bottiglia per un vero spirito scozzese

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Un’azienda ecologica, single-state, farm-to-bottle, a km 0: scopriamo la scozzese Arbikie Highland Estate e il suo fantastico gin Arbikie AK’s Gin

Arbikie Higland Estate

La distilleria è stata fondata dai fratelli John, Iain e David Sterling nel 2013. La loro famiglia possiede 2100 acri di terreni sin dal 1920 in Scozia, nella regione di Angus, e quindi i fratelli hanno pensato di utilizzare il potenziale di questi possedimenti per la produzione di distillati di qualità, in particolare gin, vodka e scotch prodotti dalla master distiller Kirsty Black. Qui la famiglia Sterling lavora la terra da quattro generazioni, ma la loro storia di coltivatori risale al 1660.

I fratelli Sterling si definiscono “artigiani della terra”, infatti sono cresciuti nell’azienda di famiglia e per la loro impresa hanno voluto marcare il concetto di artigianalità e quello di “farm-to-bottle”. Ciò significa che anche le materie prime necessarie alla produzione derivano dal loro lavoro della terra, potendo controllare così ogni fase fino all’imbottigliamento. Coltivano l’orzo per il whisky e il grano e le patate per le basi del gin e della vodka. Dall’azienda agricola derivano anche il ginepro, il miele e le fragole. Da poco anche la lavorazione del malto è diventata interna.

La distilleria è stata ricavata da una vecchia stalla e gli alambicchi sono stati assemblati dai meccanici della fattoria. Essi provengono dalla Germania e sono uno a colonna e uno “pot still”, per una capacità produttiva totale di circa 200.000 litri all’anno. L’azienda funziona a energia solare, per una vera produzione sostenibile e a “km 0”. Il luogo in cui si trova la Arbikie Higland Estate è particolarmente idoneo per un progetto simile, con il mare a est, i campi coltivati a ovest e una sorgente d’acqua filtrata dalle rocce dell’Angus Hill. Anche il suolo sassoso e il rigido clima scozzese sono elementi che condizionano le materie prime che producono, ma bisogna tenere conto che ci troviamo in una delle zone più assolate del Paese.

I fratelli Sterling

I prodotti Arbikie

Il primo distillato lanciato dall’azienda è stato la vodka di patate, nel 2015. E’ prodotta con patate Maris Pipers e King Edwards da loro coltivate. Il secondo è Arbikie AK’s Gin, seguito da Kirsty’s Gin, che prende il nome dalla master distiller. Stanno producendo inoltre il primo Rye Whisky scozzese, mentre nei barili stanno aspettando che il loro primo whisky raggiunga i 14 anni di maturazione.

Di recente Arbikie è inoltre diventato il primo coltivatore di peperoncini in Scozia e con i loro Chipotle hanno creato una deliziosa vodka piccante. Nel portfolio hanno anche un vodka alla fragola per la quale distillano le loro fragole in piccoli lotti, un prodotto vintage, soggetto al clima dell’anno.

Dove sorge la Arbikie Higland Estate esisteva una distilleria “field to bottle” già nel 1974 ed è con lo stesso spirito legato alla tradizione che nasce la distilleria Arbikie, senza però tralasciare l’importanza dell’innovatività e dell’originalità. E’ l’unica single-estate distillery che distilla tutti gli spiriti con lo stesso alambicco di rame. Le vodke e i gin vengono poi fatte passare per la colonna di distillazione a 40 piatti. Ogni spirito subisce un processo diverso, per esempio il whisky è distillato due volte, mentre la vodka tre. Il team è capitanato dalla master distiller Kirsty Black, inserita nella top ten delle migliori distiller donne da Spirit Business Magazine, e da Christian Perez.

Arbikie AK Gin

Fonte: Twitter

Arbikie AK’s Gin

Con una gradazione del 43% vol, Arbikie’s AK’s Gin è distillato con ginepro, pepe nero, macis, cardamomo e un ingrediente insolito, il miele. Esso rende il distillato molto morbido e ne intensifica l’aroma fresco e floreale nel quale si percepisce il pepe nero e una nota salina dovuta alla vicinanza con il mare, che influenza il sapore degli ingredienti. Al palato è caldo e speziato, risulta quasi cremoso, con leggere note di miele che rendono il finale lungo e dolce. Molto delicate sono le note del pepe nero e quelle agrumate.

Viene distillato con l’alambicco di rame a partire dalla loro base di grano Viscount da essi stessi coltivato. Come dicevamo, tutta la produzione, dalla nascita della base neutra fino all’imbottigliamento, avviene nella Arbikie Higland Estate.

Con questo gin i tre fratelli Sterling hanno voluto rendere omaggio al padre, Alexander Kirkwood (A.K.). E si tratta sicuramente di un omaggio di grande prestigio, visto che Arbikie AK’s Gin si è aggiudicato la medaglia d’oro ai San Francisco International Spirits Awards.

Scheda tecnica: https://ilgin.it/enciclopedia/gin/arbikie-aks-gin/

Cocktail: AK’s Alliance (Fonte: www.arbikie.com)

Consigli di miscelazione con Arbikie AK’s Gin

Arbikie AK’s Gin è morbido e facilmente miscelabile. Funziona bene nei gin tonic, ma in alternativa si consiglia di provarlo anche abbinato a succo di pompelmo con un rametto di timo come garnish.

Due cocktail proposti sul sito web della distilleria Arbikie sono:

AK’S ALLIANCE

  • 12.5ml Gomme Syrup
  • 20ml Liqueur all’albicocca
  • 35ml Arbikie AK’S Gin
  • 12.5ml succo di limone
  • Prosecco

Shakerare con ghiaccio tutti gli ingredienti (a parte il Prosecco) e versare filtrando in un flute freddo. Completare con un top di Prosecco e guarnire con un pezzo di albicocca disidratata sul bordo del bicchiere.

AK’S HONEY BE GOOD

  • 37.5ml Arbikie AK’S Gin
  • 12.5ml Cointreau
  • 25ml succo di limone
  • 12.5ml misto di acqua e miele
  • Assenzio

Versare un goccio d’assenzio nel bicchiere poi svuotare il bicchiere. Shakerare con ghiaccio tutti gli ingredienti a parte l’assenzio e double strain in una coppa Martini fredda. Sfregare una scorza di limone sul bordo del bicchiere e inserirla all’interno. Battere delicatamente tra le mani qualche foglia di menta e aggiungerle accanto al limone.

Cocktail: AK’s Honey be good (Fonte: www.arbikie.com)

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati