News

Cosa vuol dire “gin artigianale”?

Vanessa Piromallo
August 25, 2021

Artigianalità riguarda prezzi, dimensioni, qualità, alambicchi o nulla di tutto ciò? Un gin artigianale è un gin fatto a mano, ma cosa significa?

Sentiamo spesso parlare di gin artigianali o craft gin in inglese, ma questa definizione è utilizzata così spesso, troppe volte per sole mere ragioni di marketing, che sono molti i piccoli produttori artigianali a lamentarsi dell’uso improprio ed eccessivo di questo termine. Ne hanno parlato i relatori di una tavola rotonda dal titolo ‘Think Gin: Modishness versus Marketing’, organizzata da Harpers, incentrata sui modi in cui il mercato dei gin premium sia minacciato da coloro che, senza scrupoli, confondono i consumatori utilizzando termini impropri al solo fine pubblicitario.

“Artigianale” riguarda le dimensioni, la qualità, gli alambicchi o le persone?

Durante la tavola rotonda è stata Rachel Hicks, distiller di Sky Wave Gin, a mostrare la propria frustrazione per la situazione. Infatti la parola “artigianale” non ha alcuna definizione legale e quindi molte grandi distillerie se ne sono appropriate e così anche alcuni imprenditori. Hicks racconta come esempio quello di una persona che li ha contattati per avere informazioni su possibili fornitori, raccontando che ha assunto un’azienda che producesse per suo conto circa mille bottiglie al giorno. La distiller ha cercato di spiegargli che ciò non lo qualifica come gin artigianale, ma la risposta che ha ricevuto è stata: “Certo, ma vende bene, no?”

Desmond Payne, master distiller del brand Beefeater

Aljoscha Wright, responsabili acquisti & logistica presso la Oxford Wine Company, concorda con Hicks: ci sono troppi brand che si approfittano dei vantaggi di marketing inerenti a questa parola così emotiva. Poiché i consumatori hanno fiducia in loro e su quello che selezionano tra i prodotti, ci tengono a intrattenere rapporti personali con i produttori. In questo modo possono capire e spiegare le storie reali che stanno dietro alla creazione di un brand e così condividere con i consumatori i veri motivi per cui si acquista un certo prodotto a un determinato prezzo.

Nicholas King, product development manager di WSET, dice però una cosa vera: poiché l’artigianalità non ha nulla a che vedere con le dimensioni dell’azienda in sé, una grande distilleria può definire i propri prodotti “artigianali” se i proprietari hanno un diretto coinvolgimento con la produzione. “Artigianale è una parola orribile e bellissima allo stesso tempo e non riguarda necessariamente le dimensioni; nessuno può dire che Beefeater Gin non sia prodotto artigianalmente e il loro distiller Desmond Payne è un vero maestro”.

Il distiller Eugenio Belli con il suo alambicco

Del resto “artigianale significa” semplicemente “fatto a mano” ed è raro che un gin sia prodotto in modo automatizzato al 100%: molte grandi aziende si affidano alle mani e ai sensi di un esperto per garantire la continuità del prodotto. Normalmente questa parola è utilizzata nel marketing per giustificare prezzi elevati, eppure artigianalità e qualità non sono sinonimi e una non implica l’altra. Inoltre talvolta i consumatori pensano che artigianalità e qualità siano necessariamente legate all’uso di un alambicco, ma proprio l’Italia ha grandi esempi di eccellenza proprio fra i suoi “compounders”, cioè coloro che non fanno il gin distillando ma infondendo gli ingredienti nelle soluzioni idroalcoliche.

Come fare dunque per orientarsi in un mondo così vasto? La mia risposta è: fidatevi dei vostri sensi più che delle storie che si raccontano attorno ai gin. Io le trovo bellissime e penso arricchiscano questo bel mondo; amo raccontarle. Ma, quando si deve poi decidere cosa bere, sono il proprio naso e il proprio palato quelli che devono essere soddisfatti. E se non ci si sente male e non si ha uno sgradevole mal di testa il giorno dopo, allora si è proprio certi di avere per le mani un gin di qualità, ma è sempre meglio non esagerare in ogni caso! Enjoy and God Save the Gin!

Lascia un commento

Conferma

dioniso truffle gin (1)
Recensioni
Dioniso Truffle Gin, l’oro bianco e l’oro nero catturati in un distillato
Papillon-gin
News
Come salvare farfalle e scarafaggi bevendo gin: Papillon Gin e Carabus Gin
limone jerbario
Ricette
Torta allo Yogurt al Gin Tonic

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News