Estate 2019: il nuovo Plymouth, “gin” a bassa gradazione e…

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Sono sempre tanti i gin nuovi che vengono proposti: ecco una piccola selezione di quelli che che per un motivo o per l’altro ci hanno colpiti

Plymouth Gin Mr King’s 1842 Recipe

Sono passati ben 12 anni dall’ultima volta che Plymouth ha rilasciato sul mercato un nuovo gin e questa volta lo ha fatto per tornare alla tradizione, sviluppando una ricetta del 1800 trovata negli archivi della Black Friars Distillery, la storica distilleria di Plymouth, forse la più antica d’Inghilterra. Il master distiller Sean Harrison ha riprodotto la ricetta con sole due botaniche, la radice di giaggiolo e le bacche di ginepro, raccolte a mano in un unico giorno sulle montagne di Frontignano, in Italia. Di Mr King’s 1842 Recipe sono state create solo 2.000 casse e, secondo le parole del master distiller, non potrà mai più essere riprodotto allo stesso modo, poiché le differenze climatiche che si verificano ogni anno faranno sì che il ginepro avrà un sapore differente. Se riuscite a procurarvelo, il costo è di 45,50£.

Smouldering Heights Gin

That Boutique-y Gin Company e Masons Yorkshire Gin hanno creato questo nuovo gin il cui nome fa il verso a Cime Tempestose. Una curiosità sta nel fatto il gin ha un sapore affumicato e sull’etichetta compaiono delle fiamme perché si ispira ai tradizionali falò che vengono accesi nelle brughiere dello Yorkshire come rito per un raccolto prosperoso, però proprio poco dopo l’imbottigliamento del gin la distilleria Masons è stata coinvolta in un incendio spaventoso che ha distrutto l’alambicco e ha bloccato la produzione. Per fortuna non ci sono state vittime e Carl Mason e il suo team sono riusciti a far ripartire la distillazione grazie all’arrivo di un alambicco nuovo che era stato acquistato poco tempo prima. E così il gin, che celebra le tradizioni locali, è diventato anche un simbolo della ripresa in forze della Masons Distillery dopo l’incendio. Lo si trova in vendita al costo di circa 30 Euro.

Trinity25

Non è un gin perché ha una gradazione troppo bassa, 25% vol, ma ha il sapore del gin ed è stato da poco lanciato sul mercato da Bermonsdey Distillery, di Londra. E’ distillato con 100% grano inglese con infusione a freddo di bacche di ginepro e una “trinità” di botaniche: semi di coriandolo (per l’elemento citrico), cardamomo (per la speziatura) e pepe nero (per dare calore al distillato). Esattamente come per il gin di Plymouth, hanno preferito scegliere poche botaniche in risposta alla tendenza ad abbondare che caratterizza tanti nuovi gin e anche la scelta di una bassa gradazione è per andare contro la tendenza attuale di rilasciare gin molto alcolici. Si ispira alla lunga storia di Bermonsdey nel commercio e stoccaggio delle spezie. Viene proposto come elegante alternativa al gin e consigliano la bevuta on the rocks oppure in spritz.

Portobello Road Temperance

Bermonsdey non è stata la prima ad avere l’idea, infatti un’altra distilleria londinese, Portobello Road, aveva lanciato un paio di settimane prima questo distillato che ha lo stesso sapore e consistenza del gin, ma una gradazione alcolica bassissima, come una birra: 4,2% vol. Secondo l’azienda Temperance è dedicato agli amanti del gin che vogliono moderare il proprio consumo di alcol. Le botaniche sono le stesse del Portobello Road London Dry Gin, ma la tecnica di produzione è differente e vi viene aggiunta acqua minerale e l’acqua che viene raccolta quando i fiori vengono “cotti al vapori” per carpirne gli oli essenziali. Ci sono anche uno o due ingredienti segreti che non sono stati svelati. Il costo è di 23£ e i produttori assicurano che nonostante la bassa gradazione, il sapore e la consistenza sono proprio quelli del gin.

Raasay Hebridean Gin

Abbiamo scelto questo fra tanti altri gin lanciati sul mercato come esempio della tendenza a prediligere l’uso di botaniche locali e a ispirarsi al luogo o Paese dove sorge la distilleria. Isle of Raasay Distillery infatti ha lanciato questo gin delle Isole Ebridi proprio in tempo per l’International Scottish Gin Day (sabato 3 agosto 2019) ed l’ha distillato con un alambicco di rame Frilli con dieci botaniche unendo quelle tradizionali a quelle locali grazie all’aiuto del botanico scozzese Stephen Bungard e della studentessa della Heriot-Watt University Fiona Williamson. Viene descritto come un gin secco, con note di ginepro, arancia e rabarbaro. La gradazione è del 46% vol. e il prezzo sul sito della distilleria è di 35£.

Fonti:

  • https://www.thedrinksbusiness.com/2019/07/plymouth-gin-launches-special-edition-gin-from-170-year-old-recipe/
  • https://www.thedrinksreport.com/news/2019/17702-masons-and-boutique-y-gin-collaborate-on-new-gin.html
  • https://www.thedrinksbusiness.com/2019/07/spirit-of-bermondsey-launches-lower-abv-alternative-to-gin/
  • https://www.thedrinksbusiness.com/2019/07/london-distillery-creates-lower-alcohol-spirit-at-4-2-abv-with-flavour-and-texture-of-gin/
  • https://www.thedrinksbusiness.com/2019/07/isle-of-raasay-launches-hebridean-gin/
Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati