Recensioni

Maxi Milian Gin, l’anima giovane del gin friulano capace di sorprendere

Elisabetta Lugli
February 12, 2021

Botaniche insolite, gusto secco e deciso, anima del tutto italiana: vi presentiamo Maxi Milian Gin, il nuovo gin Made in Italy

Sono due giovani amici entrambi sotto i 30 anni i creatori di Maxi Milian Gin, uscito sul mercato a settembre 2020. Si chiamano Massimiliano Montanari e Marta Gover, e insieme hanno dato vita a un distillato di alta qualità, naturale al 100% ed ecologico grazie al suo packaging riciclabile. Abbiamo chiesto a Massimiliano Montanari di raccontarci la storia di questo gin nuovo e giovane che promette grandi cose. 

Massimiliano e Marta

Massimiliano, come è nato Maxi Milian Gin? Raccontaci la storia dal principio.

Io ho iniziato come distributore di alto livello di champagne e vino per il privato. Ho creato la mia enoteca di lusso online e mi sono ben presto reso conto che serviva la parte distributiva. Dovevo pensare a tutto ciò che era l’Horeca, il B2B. Dopo un anno di lavoro, durante una manifestazione (Gusti di Frontiera a Gorizia, ndr) ho deciso di aprire un Temporary Wine Bar, dove ho servito le etichette di vino che distribuivo e distillati di alto livello. Scoprii che la location del temporary che avevo scelto era stata a suo tempo la sede di un negozio di scarpe e abbigliamento per uomo, che si chiamava Maxi Milian; una coincidenza particolare, un segno: io mi chiamo Massimiliano. Il temporary è durato soltanto 4 giorni ma è stato un successo, sentivo l’esigenza di replicarlo. Poi, però, è arrivato il Covid. L’idea non è stata accantonata, si è soltanto modificata: ho deciso di creare un prodotto mio nel mondo dei distillati, portando avanti il brand Maxi Milian Bistrot che è stata l’ispirazione di base. Sono esperto di web, conosco l’importanza di dare vita al brand, ci ho costruito attorno una comunicazione, con passione e dedizione. Pensare il prodotto, concettualizzarlo, concepirlo… è nato tutto un lavoro attorno a questo nuovo distillato, il Maxi Milian Gin. Ho iniziato da solo a gennaio 2020, Marta è entrata nel progetto qualche mese dopo, in estate. A settembre abbiamo avviato la società. Marta è un’arredatrice, molto brava nel campo della grafica, e ha concepito lei il design dell’etichetta. Inoltre Marta gestisce marketing, comunicazione e tutta la parte commerciale per quanto riguarda l’estero: arriva da 7 anni passati a Londra, è il suo pane. Io invece gestisco l’Italia, anche per quel che riguarda la parte commerciale.

Maxi Milian Gin

(SilviaFalcomerPhotography)

Quali sono le caratteristiche di Maxi Milian Gin?

Il nostro obiettivo era quello di creare un prodotto totalmente Made in Italy: tutti prodotti naturali e italiani. Dietro le quinte ci sono state tante prove, circa un anno di lavoro sotto questo punto di vista. Ne è valsa la pena, perché il risultato è un Distilled Gin con una grande particolarità: sembra stare a metà tra un London Dry e un Distilled. Di fatto è un Distilled, forte, agrumato, dal profumo intenso, ma è molto secco al sapore proprio come un London Dry.

Un Distilled davvero accattivante: parliamo della ricetta!

Maxi Milian Gin è un distillato di cereali con ginepro, angelica e coriandolo. Ci sono poi 5 botaniche in aggiunta: coriandolo, mirto, tè nero, pompelmo e uva passa. Queste botaniche vengono ottenute tramite una distillazione continua con un meccanismo tale per cui la botanica viene presa partendo dal prodotto naturale essiccato. In seguito si crea l’infuso, poi distillato in una soluzione idroalcolica, infine amalgamato a freddo con il distillato principale.

Acquista
Maxi Milian Gin

(SilviaFalcomerPhotography)

L’etichetta di Maxi Milian Gin è molto bella ma è anche particolare, perché presenta delle correzioni che non sono state effettuate, come mai?

L’etichetta mi rappresenta molto, e i colori utilizzati richiamano il Made in Italy. Le correzioni visibili sono un’idea nata per caso da un’ispirazione del momento: durante la degustazione della penultima versione di Maxi Milian Gin, un caro amico che era presente, guardando l’etichetta ancora da mettere a punto se ne esce con: “Ma ascolta, le correzioni le lasciate? Sono bellissime, lasciatele”. Ci ha convinti!

(SilviaFalcomerPhotography)

Come ami gustare Maxi Milian Gin?

A me piace berlo sotto forma di Gin Tonic, utilizzando come garnish pompelmo essiccato o bacca di ginepro. Io amo enfatizzare l’agrumato, utilizzo 1724 come tonica, che è più aromatica. Una versione più casalinga, più facile, è preparare un Gin Tonic con una tonica molto secca, ad esempio una Fever Tree Indian, e scorza di limone. 

Per gli amanti del Negroni Maxi Milian Gin è eccezionale. Io che amo il classico utilizzo il Punt e Mes per prepararlo.

Acquista Maxi Milian Gin

(SilviaFalcomerPhotography)

Quali sono i vostri progetti futuri?

Siamo nati come azienda mono-prodotto, e dunque siamo concentrati su Maxi Milian Gin. È una limitazione, me ne rendo conto, per questo motivo l’intenzione è quella di uscire nel 2021 con un altro gin, un prodotto di nicchia proposto nel formato da mezzo litro anziché il classico 0,7 ml. Molto probabilmente non sarà un distillato di cereali ma di grano in purezza, avrà una matrice un po’ più ricercata.

Vai alla scheda tecnica di Maxi Milian Gin

Lascia un commento

Conferma

June by G'Vine
Recensioni
June Wild Peach Gin e June Royal Pear Gin by G’Vine: i nuovi gin dell’estate
O'TAMA TOKYO PALERMO
Ricette
Il drink vincitore di Roku Shun Competition, O'Tama Tokio/Palermo, di Christian Costantino
still gin
Recensioni
Still Distilled Gin, quando il ginepro è protagonista assoluto

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News