Le ricette di The Gin Lady: due secondi per la Pasqua

Le ricette di The Gin Lady: due secondi per la Pasqua

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Un arrosto di seitan per i vegani, un agnello al gin più tradizionale per i carnivori: due piatti diversi ma entrambi con il gin a profumarli

Pasqua si avvicina e con essa torna la polemica sull’opportunità o meno di mangiare l’agnello. Per taluni una tradizione imprescindibile, per altri un duplice assassinio: non solo si sacrifica un animale per una festa, ma lo si sceglie anche neonato. Tendenzialmente appartengono alla seconda fazione i vegetariani e i vegani, tuttavia sono anche molti i carnivori che simpatizzano con gli agnelli.

Non diremo a quale schieramento apparteniamo, anzi, quest’anno abbiamo deciso di collocarci nel mezzo, dando due ricette: una tradizionale che prevede l’agnello e una meno tradizionale, ma che farà felici i vegani, ovvero un arrosto di seitan al ginepro, liberamente tratto dal libro di Terra Nuova “100 piatti unici vegetariani” (abbiamo aggiunto un po’ di gin alla ricetta). Decidete voi da che parte stare: noi stiamo dalla parte del gin, che ovviamente è presente in entrambe le ricette ed è l’abbinamento migliore anche nel bicchiere.

Vegani o Carnivori? A Pasqua facciamo felici tutti!

La ricetta pasquale per i gin-lover vegani:

Arrosto di seitan al ginepro in crema di arance con caponatina di verdure e legumi“.

Ingredienti per l’arrosto di seitan:

  • 2 carote piccole
  • ¼ di cipolla bianca
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 foglie di salvia
  • 1 rametto di rosmarino
  • bacche di ginepro
  • 1 arancia
  • 1 bicchiere di brodo vegetale
  • 1 bicchiere di dry gin
  • ½ c di pepe nero
  • 12 fette di arrosto di seitan spesse ½ cm
  • 4 C di olio
  • 2 C di tamari (o salsa di soia)
  • qualche fetta di arancia per decorare

Ingredienti per la caponatina:

  • 1 cipolla rossa intera
  • 2 fette di zucca di media grandezza
  • 1 porro
  • ½ finocchio
  • ½ broccolo
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 p di sale
  • 1 p di pepe
  • olio

Arrosto di Seitan al Ginepro

Preparazione:

Partite dalla caponata, mondando e affettando a velo la cipolla rossa. Quindi lavate e affettate a piacere tutte le verdure. Scaldate un po’ di olio in una casseruola e aggiungete la cipolla, il porro e il rosmarino. Lasciateli soffriggere a fuoco basso, e quando saranno ben dorati aggiungete il resto delle verdure. Salate e cuocete a fuoco medio, avendo cura di coprire il tutto con un coperchio e mescolando di tanto in tanto.

Per l’arrosto: mondate e tritate le carote, la cipolla e l’aglio. Scaldate 2 cucchiai d’olio in una casseruola e lasciatevi soffriggere a fuoco dolce le carote e la cipolla tritati, la salvia, il rosmarino e il ginepro schiacciato. Nel frattempo grattugiate e conservate la scorza dell’arancia e spremetene il succo in un bicchiere. Bagnate il soffritto con il gin e lasciate sfumare. Quando il vino sarà evaporato aggiungete il tamari, il brodo, il succo d’arancia, il pepe e lasciate sobbollire per circa 5 minuti. Infine togliete la salsa dal fuoco e filtratela con l’aiuto di un colino.

Scaldate due cucchiai d’olio e il tamari in una padella antiaderente. Rosolate ogni fetta di seitan da entrambi i lati, quindi aggiungete due cucchiai di salsa per ogni fetta e lasciate insaporire a fuoco medio fetta dopo fetta.

Sistemate in ogni piatto due cucchiai abbondanti di verdure e 3 fette di arrosto arricchite della sua salsa, infine decorate con qualche fetta di arancia cruda.

Agnello al Gin

La ricetta pasquale per i gin-lover carnivori:

Cosciotto di Agnello Gallese con gin e mirtilli

Ingredienti:

  • 1 coscia d’agnello di 1.2 kg circa
  • 450 g di salsicce
  • 6 cucchiai di gin + mezzo bicchiere per sfumare le cipolle
  • qualche mirtillo
  • 4 piccole cipolle rosse
  • una noce di burro
  • 2 rametti di rosmarino fresco

Preparazione:

Per prima cosa preriscaldare il forno a 180°C, quindi pesare il cosciotto d’agnello e calcolare il tempo di cottura: tenete presente che una pezzatura da mezzo chilo impiega 50-60 minuti a cuocere. Il cosciotto va fatto cuocere su una teglia ricoperta da due fogli di carta da forno, dopo averlo irrorato con una salsa fatta con i 6 cucchiai di gin e alcuni mirtilli schiacciati.

A parte, tagliate le cipolle a metà e scavatene il cuore tenendo le calotte, composte da due-tre strati di cipolla. Il resto va affettato e soffritto con il burro, quindi sfumato con il mezzo bicchiere di gin e finito di cuocere rapidamente insieme alla salsiccia e al rosmarino. Il composto andrà a riempire i gusci di cipolla, che vanno fatti cuocere per 40-50 minuti finché le calotte delle cipolle non saranno morbide e dorate.

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati