East India Company London Dry Gin, dal tè al gin il passo è breve per gli inventori del gin tonic

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

La storica Compagnia di mercanti a cui si attribuisce l’invenzione del gin tonic lancia il suo East India Company London Dry Gin super-premium

La East India Company è famosa soprattutto per i tè pregiati che distribuisce nel mondo, ma l’azienda è nota anche per la sua origine storica, in quanto si rifà alle prime compagnie di mercanti inglesi che commerciavano con il subcontinente Indiano e con la Cina sin dagli inizi del 1700. Non stupisce che un’azienda puramente britannica abbia deciso di investire nella bevanda inglese per eccellenza assieme al tè, cioè il gin, creando il suo East India Company London Dry Gin, anche perché è proprio agli ufficiali della Compagnia Britannica delle Indie Orientali che si attribuisce l’invenzione del gin tonic nel XIX secolo.

I viaggi dei mercanti in India, infatti, portarono alla luce il grave problema della malaria. Quando, nel XVIII secolo, vennero scoperte le proprietà curative del chinino, tutti i viaggiatori furono costretti ad assumerlo, ma il suo sapore era disgustosamente amaro. Fu così che, per rendere la medicina più appetibile, agli ufficiali britannici venne in mente di aggiungervi acqua, zucchero e lime e, ormai che c’erano, anche un po’ di gin con la scusa che era d’aiuto contro il mal di mare.

East India Company London Dry Gin, il gin super-premium creato dagli inventori storici del gin tonic

The East India Company London Dry Gin

The East India Company London Dry Gin

Ed è così che a Sanjiv Mehta, managing director, la cui missione è quella di ringiovanire l’immagine aziendale sin dal 2005, è venuta l’idea di lanciare il East india Company London Dry Gin. Il suo obiettivo, infatti, è quello di creare prodotti di lusso adatti al mondo moderno, ma che si avvantaggiassero dell’esperienza di oltre 400 anni dell’azienda nel commercio di botaniche e altri rari beni esotici. Con le parole di Mehta: “Quando ho preso il comando mi sono imposto di far risorgere il brand un tempo potente, ma che è stato dormiente per 1611 anni, così da renderlo di nuovo grande. Per più di 400 anni la East India Company ha sviluppato una rete di connessioni con persone di tutto il mondo e la sua influenza è palpabile in tutti i Paesi di lingua anglosassone. La visione che ne ho oggi è quella di un’azienda moderna che sviluppa prodotti di lusso di alta qualità, tra i quali un distillato super-premium.”

Il direttore marketing Esther Canibano Garcia ha aggiunto: “Ci siamo imbarcati per questo viaggio con un London Dry Gin super-premium, uno spirito che si connette al cuore del nostro retaggio di commercianti mondiali delle migliori botaniche e spezie. La East India Company sin dalla sua nascita ha portato a un’evoluzione del gin e alla creazione dell’onnipresente gin tonic.

Lo sviluppo del East india Company London Dry Gin è cominciato nel 2007 con lo studio  degli antichi documenti degli archivi dell’azienda e di altre istituzioni storiche inglesi ed è stato portato avanti attraverso molteplici esperimenti fino all’ottenimento della ricetta attuale. Le botaniche sono dodici, fra cui ginepro, angelica, liquirizia, coriandolo, radice di giaggiolo e semi di cacao. Per ora il gin è distribuito solamente nel Regno Unito, ma forse presto raggiungerà anche il resto d’Europa.

 

Fonti:

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

012b073ad3fd434496e072b31b4c1230CCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCC