Altre stranezze? Il gin con le formiche verdi all’interno!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Hai mai assaggiato una formica? Ora puoi farlo sorseggiando direttamente il gin: parliamo di Green Ant Gin, da poco lanciato in Australia…

Tutti ormai conosciamo il mezcal con il verme dentro, ma che ne pensate del gin con le formiche verdi all’interno? Si tratta di Green Ant Gin, un distillato australiano da poco lanciato sul mercato, ma che già, ovviamente, sta facendo parlare di sé in tutto il mondo. L’idea si rifà alle millenarie tradizioni culinarie delle comunità indigene australiane, ma pare anche che rilasciano peculiari note di gusto nel gin che possono essere anche molto apprezzate da chi non si sente così schizzinoso da non voler nemmeno assaggiare.

Che sapore ha una formica?

In effetti vedere una bella bottiglia con un’elegante etichetta verde e oro e un liquido perfettamente trasparente all’interno in cui galleggiano alcune formiche dall’evidente addome color verde smeraldo può fare un certo effetto. Ma a quanto dicono i produttori questi insetti sono molto saporiti, con un gusto che ricorda il lime e il coriandolo. E in effetti il gin ha vinto una medaglia d’oro alla San Francisco World Spirits Competition. Ricordiamo anche che già anni fa uscì Anty Gin, distillato in Inghilterra con formiche rosse.

Green Ant Gin è un progetto dei fratelli Daniel e Shannon Motlop, aborigeni australiani della gente di Larrakia del Territorio del Nord, che da tempo hanno un’azienda che si occupa di forniture di cibi del luogo e che si chiama Something Wild. Grazie alla collaborazione con la Adelaide Hills Distillery hanno dato vita a un gin che onorasse le tradizione e l’artigianalità del luogo.

Il ginepro utilizzato è nativo australiano e si chiama “Boobiala”, così come sono native altre botaniche quali finger lime, strawberry gum, lemon myrtle e pepe. Esse vengono infuse a vapore singolarmente e poi unite, così da ottenere un sapore delicato. Le note di lime e coriandolo delle formiche non sono particolarmente dominanti a meno che non le si mastichi durante la bevuta, rilasciando un gusto erbaceo, mentre centrali sono le note agrumate bilanciate da quelle speziate del pepe. In generale il sapore di Green Ant Gin non è nè forte nè complesso e viene consigliato sia per il Gin Tonic sia per il Martini.

Tutti gli ingredienti, comprese le formiche, sono raccolti con metodi che rispettano l’ecosistema, gli stessi che hanno preservato la natura australiana per 65.000 anni, ora minacciata dal moderno sfruttamento massiccio delle risorse. Gli ingredienti che vengono naturalmente raccolti o cacciati in questo modo vengono definiti con un termine australiano che significa “cibo dei cespugli” (bush tucker) ed è di estrema importanza non esagerare e rispettare l’ambiente. Something Wild dà lavoro alla gente locale facendo loro raccogliere il “cibo dei cespugli” osservando regole rigide riguardo le quantità delle piante e delle formiche, assicurandosi che a ogni regina rimangano sempre abbastanza formiche per poter mandare avanti la colonia senza danni.

Le formiche verdi sono molto comuni in quella zona dell’Australia e sono state utilizzate come fonte di proteine e in medicina per secoli. La moda del cibo a base di insetti (a quanto pare in forte crescita in molti paesi) ha fatto incrementare eccessivamente il costo delle formiche. Something Wild ha ottenuto un permesso speciale dal governo australiano per poterle legalmente raccogliere e distribuire tra gli chef e le aziende che vogliono acquistarle.

 

Fonte:

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

tempus leo venenatis, diam ipsum vel, nec Phasellus pulvinar mattis amet,