Rosé Wine & Gin Fusion: gin e vino si fondono

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Un prodotto innovativo è arrivato sul mercato inglese e potrebbe rappresentare una bella idea per i produttori italiani che vogliono sperimentare…

E’ stato da poco annunciato sul mercato inglese un prodotto particolare e innovativo, un vino rosé con aggiunta di gin e infusione di frutta estiva (fragole e lamponi). A lanciarlo è Accolade Wines, proprietaria del brand Echo Falls che comprende diversi vini infusi con frutta e diversi tipi di vodka aromatizzata, tutti prodotti che hanno come target i bevitori più giovani riscuotendo un bel successo nel Regno Unito.

Ginerosity, the World’s First Social Enterprise Gin

Echo Falls Rosé Wine & Gin Fusion With Strawberry and Raspberry unisce la moda dei vini, soprattutto il rosé che spopola in Inghilterra, alla grande crescita del gin e si propone come alcolico leggero e beverino adatto ai bevitori meno esperti. La gradazione è del 9% vol. ed è in vendita in alcuni supermercati a sole 5 Sterline (meno di 6 Euro).

Viene prodotto unendo il vino rosé standard del brand con un gin infuso con frutta estiva come fragole e lamponi. David White, direttore marketing di Accolade Wines, ha commentato: “Echo Falls sta avendo successo nel mercato, specializzandosi in vini accessibili e facili da bere ideali per chi sta cominciando ad avvicinarsi alla categoria. Le nostre fusioni più dolci con frutta sono adatte a coloro a cui piace l’idea del vino ma trova il gusto un po’ difficile. Siamo certi che la nostra nuova fusione tra vino e gin darà una spinta al portfolio Echo Falls e rappresenta anche una nuova occasione per coloro che amano il gin.”

Questo tipo di prodotto può sembrare poco appetibile per il mercato italiano, dove l’attenzione per i vini di qualità è alta anche tra i bevitori più giovani e la tradizione vinicola è molto forte. Ma proprio per questi motivi pensare a fusioni fra vino e gin che, anziché mirare a palati così tanto inesperti, miri a target più consapevoli e con la voglia di sperimentare che in Italia in realtà non manca affatto, potrebbe rappresentare un bel successo e un nuovo modo per portare avanti il Made in Italy nel campo del beverage. E l’Italia è di certo tra i Paesi che meglio in assoluto si difende quando si parla di vino e di gin!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati