Valentina Gin: la Milano del fumetto di Crepax raccontata in tre gin

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Valentina Gin

Il gin italiano più sensuale del momento? Non ce n’è solo uno, ma ben tre! Scopriamo insieme i Valentina Gin!

Come si fa a resistere alla sexy Valentina nelle bellissime bottiglie dei gin a lei dedicati? E soprattutto, come si fa a resistere a una trilogia di ottimi gin? Oggi vi raccontiamo la loro storia per trasportarvi in una bellissima serata con Valentina nella Milano degli anni ‘60 e ‘70.

Spirit eccellenti per cartoon indimenticabili

Ciao Alberto, raccontaci come è nata l’idea di creare una serie di tre gin e di dedicarli ai fumetti di Valentina.

Ciao, la storia comincia con la mia agenzia di comunicazione, Seci 1981. Grazie a Committenti eccellenti l’agenzia, che si trova a Milano, ha sviluppato straordinarie esperienze nei campi più diversi: cultura, sport, lusso, vino – dal Brunello allo Champagne, dal Barolo al Franciacorta. Però è il gin che per noi ha sempre rappresentato una passione e un divertimento a livello personale e quindi abbiamo deciso di portare avanti questa passione anche a livello professionale.

Abbiamo da subito pensato legare il gin al personaggio di Valentina per via del grande rapporto che ci lega con la Galleria d’Arte Nuages, storica editrice di disegnatori e illustratori, e con l’Archivio Crepax, fondato dai figli del Maestro Guido Crepax, Antonio, Caterina e Giacomo. Si sono dimostrati super disponibili ad iniziare questo progetto insieme e questo è stato il punto di partenza: ci hanno aiutato a entrare letteralmente nel personaggio di Valentina e nella sua Milano degli anni ‘60 e ‘70. Così nascono i primi tre gin, Valentina Milano Gin N.1, Valentina Extra Gin 4 Tonic e Valentina Milano Dry Gin.

valentina gin

Come avete portato avanti il progetto e realizzato i gin Valentina?

Affascinati dal mondo dei superalcolici, ormai più di un anno fa abbiamo effettuato in agenzia un’analisi di questo mercato e del suo sviluppo negli ultimi anni e abbiamo ovviamente notato una predominanza del gin rispetto agli altri spiriti. Abbiamo anche notato come la maggior parte si affacciasse a questo mondo con solamente una denotazione territoriale: ogni prodotto voleva raccontare la storia di una specifica area geografica, dei suoi profumi e delle sue particolarità.

Ci siamo quindi chiesti come potevamo differenziarci, approcciando un aspetto del territorio, ma raccontando anche una storia. E così, per il grande rapporto che ci lega con Nuages e l’Archivio Crepax, abbiamo deciso di intraprendere questa sfida, abbinando il grande fumetto d’autore a una serie di superalcolici.

Per la realizzazione del prodotto è stato fondamentale il supporto del nostro Gin Master Alessandro Carlassare che, grazie alla sua esperienza e anche alla sua passione per i fumetti, ci ha seguiti in maniera molto precisa e professionale in questa avventura.

valentina gin

Come sono state sviluppate le ricette dei tre gin Valentina?

Ogni ricetta dei gin Valentina è stata sviluppata in accordo con Alessandro. L’obiettivo era raccontare l’universo di Valentina Rosselli e il suo legame con la città di Milano. Da questa prima suggestione abbiamo iniziato a definire le botaniche di base dei tre prodotti: l’alloro la quercia e il biancospino. Guido Crepax ha fatto nascere Valentina il 25 Dicembre 1942 a Milano e il biancospino è la pianta del Natale, mentre alloro e quercia adornano lo stemma della città di Milano.

A partire da questa base abbiamo deciso di sviluppare tre linee diverse per andare incontro a ogni gusto. Abbiamo una versione Dry (Valentina Milano Dry Gin), un Compound fratello del Dry (Valentina Milano gin N.1) e un altro Compound con note più agrumate (Valentina Extra Gin 4 Tonic) che definiamo “più adatto per una notte da Valentina in abito da sera”, con scorze di Arancia Dolce, di Laraha (Curacao) e di Limone.

L’intero ciclo produttivo è stato seguito da Alessandro Carlassare, che ha messo a disposizione tutta la sua esperienza per ottenere un risultato finale ottimo, utilizzando anche alcune best practice non comuni al mondo del gin, ma prese in prestito da altri settori del mondo degli alcolici, però non vogliamo svelare troppo…

Scopri Valentina su GinShop
valentina gin

Come avete scelto i nomi e le grafiche dei gin Valentina?

La parte creativa è stata realizzata passo dopo passo insieme alla creazione del prodotto. Delle avventure di Valentina esistono migliaia di tavole e l’Archivio Crepax ci ha aiutato ad orientarci e a scegliere le storie più adatte. Per lo sviluppo visivo ci siamo affidati ad una grande figura del graphic design italiano, Maurizio Milani. Nelle tre figure scelte per la serigrafia delle bottiglie si vedono tutte le sfaccettature più sexy, l’eleganza e la sensualità del personaggio di Crepax.

Per quanto riguarda il nome siamo partiti da Valentina, abbinandolo per due volte all’immagine della sua città, Milano, luogo dove nascono le sue avventure; per il terzo prodotto, Valentina Extra Gin 4 Tonic, abbiamo scelto questo nome perché a nostro avviso il gin si lega perfettamente a una buona acqua tonica mediterranea.

Quali sono i tuoi cocktail preferiti con i gin Valentina?

Ovviamente ciascuno dei tre prodotti è perfetto per un ottimo e rinfrescante Gin Tonic e, come dicevo, per Valentina Extra Gin 4 Tonic consiglio una tonica mediterranea premium. Consiglio poi di provare Valentina Milano Gin N.1 in un buon Negroni e Valentina Dry gin nel Martini Dry. Inoltre nelle prossime settimane lanceremo il valentina, un nuovo cocktail creato per esaltare le qualità del prodotto.

Scopri la pagina di Valentina su GinShop
Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2021 - That's The Spirit SRL - PI/CF 03553861208 - Tutti i diritti riservati