Novità 2019: gin distillati nei bar, gin a base di vino e gin solidali

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Tutti voglion fare gin… ed ecco qualche novità lanciata negli ultimi tempi da distillerie, bar, distributori di vini e…

Pinot Noir Gin: secondo il produttore, l’azienda inglese Chapel Down, si tratta del primo gin creato con questa qualità di uva. Questo pink gin è creato con la stessa formula degli altri prodotti dell’azienda, Bacchus Gin e Chardonnay Vodka, miscelando il distillato di grano con quello d’uva, prodotto a partire dalle bucce che vengono scartate durante la produzione del vino. La bottiglia è una via di mezzo tra quelle da distillato e quelle da vino e l’anno scorso si è aggiudicata il premio per miglior design e packaging ai The Drink Business Awards. Le botaniche – scelte per esaltare le caratteristiche dell’uva Pinot Noir – sono ginepro, coriandolo, frutti rossi, boccioli di rosa, agrumi, rosa canina, angelica e grani del paradiso. La gradazione è 41,2% vol. e il prezzo è di circa 35 Sterline. Chapel Down ha di recente aperto un gin bar e distilleria chiamato Gin Works a King’s Cross, Londra.

Chapel Down Pinot Noir Gin

Hyke Gin: Pinot Noir Gin sarà il primo con quella tipologia, ma non è certo il primo gin con base d’uva e nemmeno l’ultimo, infatti sta per essere lanciato questo gin creato in collaborazione fra Richard Hochfeld, uno dei più grandi importatori di frutta in UK, e la distilleria Foxhole Spirits. Per la produzione vengono impiegati gli scarti delle uve che ogni anno vengono buttati e quindi la presentazione del gin avverrà durante la Giornata Mondiale del Riciclo, il 18 marzo. Le botaniche sono piuttosto esotiche e, secondo i produttori, rendono il gin ricco, speziato, complesso, con un tocco di agrumi dolci: ginepro, coriandolo, mirra, rooibos del Sud Africa, radici e semi di angelica, iris, liquirizia, anice, cumino, scorza di limone, foglie d’alloro, semi di nigella, cardamomo verde e cardamomo nero. Anche la bottiglia è in materiali riciclabili.

Hyke Gin

Kavalan Gin: il primo gin di una serie più ampia lanciato dal brand di whisky Taiwanese. Viene filtrato a carbone e distillato tre volte in un tradizionale alambicco di rame. La base maltata è la stessa del whisky. Oltre a botaniche classiche come ginepro, anice e coriandolo, troviamo estratti di botaniche provenienti da Yilan, il luogo dove si trova la distilleria, che sono kumquat, star fruit e guava. Imbottigliato a 40% vol, ha un sapore ricco e dolce.

Conker Navy Strength Gin: per ogni bottiglia venduta, 5£ verranno donate al Royal National Lifeboat Institution (RNLI), i cui volontari hanno salvato oltre 142.000 persone dall’annegamento dal 1824 a oggi. Holloway, fondatore di Conker, è cresciuto nelle coste del Dorset ed è dunque molto legato al mare e anche alcune botaniche del gin provengono dalla zona e sono raccolte a mano.. In tutto le botaniche sono nove (ginepro, coriandolo, angelica, iris, cassia, scorze di arancia amara e di lime, bacche di sambuco e salicornia. La gradazione è del 57% vol. e il prezzo è di circa 50 Euro.

Kavalan Gin

Conker Navy Strength Gin

108 Gin: è prodotto al Watering hole 108 Bar di Londra utilizzando l’alambicco di rame che ivi si trova e soprannominato Isabella grazie a una partnership con Johnny Neill, fondatore del brand Whitley Neill. Contiene otto botaniche tra cui ginepro, scorze di arancia e limone, coriandolo, prugne secche e cardamomo. Ci aspettiamo presto altri gin prodotti nei bar di Londra, dove sempre di più si sta diffondendo questa idea, come per esempio il Gin Works di Chapel Down sopra menzionato.

Method and Madness Irish Micro Distilled Gin: il primo gin della micro-distilleria irlandese Midleton, creato sulla base di una ricetta trovata nei loro archivi proveniente da Cork e risalente al 1798, che già aveva ispirato il Irish Distillers’ Cork Crimson Gin nel 2005. Le botaniche sono 16, di cui le principali sono limone nero e fiori di ginestra irlandese, e la gradazione è del 43% vol. Per la produzione è stato utilizzato l’alambicco più vecchio d’Irlanda commissionato nel 1958 per Micro Distillery e Michael Hurley, distillatore alla Midleton Distillery per 45 anni. Il gin è descritto come speziato e terroso con un finale molto agrumato. E’ disponibile negli aeroporti al prezzo di circa 50 Euro.

108 Gin

Method and Madness Gin

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati