Sloe Gin in pericolo: il prossimo anno rischiamo di trovarci a corto

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Una malattia delle piante ha reso sterili molti prugnoli inglesi e il raccolto di quest’anno è stato disastroso: come faremo a bere Sloe Gin nel 2017?

Lo Sloe Gin si produce mettendo in infusione nell’alcol le bacche di prugnolo per circa tre mesi (almeno un mese è necessario). Esse vengono solitamente raccolte in Ottobre, ma il Woodland Trust Scotland ha cattive notizie: una malattia delle piante ha prodotto un raccolto disastroso quest’anno. Per questo motivo lo Sloe Gin, tipico inglese e molto consumato durante il periodo natalizio, potrebbe non essere sufficiente per accontentare la domanda prevista per Dicembre 2017. Se desiderate provarlo o ne volete, vi conviene fare scorta finché ce n’è.

Meglio fare scorta di Sloe Gin finché ce n’è, il prossimo anno la produzione artigianale è in forte pericolo!

Juniper Green Organic Sloe Gin

Juniper Green Organic Sloe Gin

George Anderson, del Woodland Trust, ha infatti dichiarato che, secondo l’annuale report da loro stilato, si prevede un raccolto molto magro. La causa è un fungo chiamato Taphrina pruni che porta alla produzione di frutta danneggiata negli alberi di prugne, susine selvatiche e prugnolo. Questa “malattia” delle piante in inglese viene detta “pocket plum”: in pratica, la frutta non produce il seme e non riesce a maturare. Anderson spiega che probabilmente il clima eccessivamente freddo e umido (anche per la Scozia) di quest’anno è il motivo della proliferazione del fungo proprio nel momento in cui e piante stavano germogliando. Afferma che ciò ha provocato un vero e proprio disastro per il raccolto del 2016, lui stesso infatti dice di aver messo da parte l’80% in meno del solito di bacche di prugnolo necessarie per la produzione dello Sloe Gin.

I grandi produttori di gin avranno la possibilità di acquisire all’estero le bacche di prugnolo (o lo sciroppo fatto con esse) per mandare avanti la produzione. I piccoli produttori che si riforniscono localmente, invece, si troveranno in difficoltà. Non molti infatti sono riusciti a mettere da parte le bacche negli anni precedenti e non riusciranno a mantenere lo standard produttivo in termini quantitativi.

In ogni caso si prevede una certa difficoltà a reperire Sloe gin nel 2017 anche perché sta diventando sempre più popolare. Fino a poco tempo fa era molto poco esportato al di fuori del Regno Unito, ma di recente l’interesse verso questo prodotto è cresciuto esponenzialmente. La crescita della domanda, però, non riguarda tanto la produzione di massa, quanto i prodotti artigianali di più alta qualità. Sono questi ultimi a essere riusciti ad attirare l’attenzione sulla categoria dello Sloe Gin e sono proprio loro a essere minacciati maggiormente dallo scarso raccolto.

Se volete fare scorta di Sloe Gin non perdetevi i prodotti del GinShop:
Acquista Juniper Green Organic Sloe Gin

Acquista Filliers Dry 28 Sloe Gin
Filliers Dry 28 Sloe gin

Filliers Dry 28 Sloe gin

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

7298646c9f0adffe0e72c7cd9f6fff2frrrrrrrrrrrrrrrrrrrr