Pomo Juicy Gin: la nuova perla 100% sarda firmata Pure Sardinia

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Pomo Juicy Gin stupisce per le sue note particolari dove spiccano quelle del pomodoro verde di Sardegna. Ce lo racconta Flavio Porcu, Pure Sardinia

Come vi abbiamo annunciato tempo fa, la nostra intervista a Flavio Porcu continua con qualche approfondimento e soprattutto un focus sul suo ultimissimo gin: Pomo Juicy Gin (leggi la prima parte dell’intervista). Ancora una volta si tratta della massima esaltazione dell’eccellenza della natura sarda e dell’innovazione che caratterizza Pure Sardinia. Infatti è uno dei pochi gin al pomodoro in commercio nel mondo, caratterizzato dalle note sensoriali uniche date dalle botaniche dell’isola e dall’utilizzo del frutto non ancora maturo, che dona al gin un gusto immediatamente riconoscibile e differente da tutti gli altri.

Esistono solo 5 gin al pomodoro al mondo, ma Pomo Juicy Gin è reso unico dalle botaniche della Sardegna

Dici di aver avuto una “illuminazione” che ha portato alla creazione di Pure Sardinia: raccontaci come nasce questa passione per il mondo dei distillati.

Per oltre trent’anni ho lavorato come direttore commerciale nel mondo dei vini, dei liquori e dei distillati e in questo modo ho acquisito tante nozioni. Ho assaggiato moltissimi prodotti da tutta Italia e dai mercati internazionali e così mi sono costruito la mia cultura personale sul bere attuale. Soprattutto ho visto le potenzialità della Sardegna dovute alle sue materie prime e alle risorse come il mirto e le bacche di ginepro, ma non solo, che la natura generosa dell’isola dona spontaneamente, ma anche a livello di coltivazione. Ogni pianta qui ha più sapore, ha maggiori sfumature di profumo, grazie alla mancanza di inquinamento e al sole, al mare e al vento. Sono sempre stato certo che la Sardegna avesse qualcosa di più da offrire rispetto a tanti altri luoghi e quindi volevo promuovere le sue eccellenze, sia in termini di materie prime sia per la qualità della lavorazione.

Volevo dei prodotti che mi permettessero di andare in giro per il mondo a testa alta, presentandomi con orgoglio di fronte ad altre nazioni. Al tempo non c’erano tanti produttori conosciuti nel mondo e ho visto un’opportunità. Infatti non ho mai pensato di fermarmi al limitato mercato locale, ma ho sempre lavorato per raggiungere tutto il mercato nazionale e quelli internazionali.

pomo juicy gin

Come hai scelto quali prodotti creare con pure Sardinia (vodka, mirto, vermouth, tre gin ecc.)?

Soprattutto all’epoca sul mercato erano presenti tantissimi prodotti con grandi quantità di botaniche. Io volevo proporre qualcosa di diverso dal solito con poche selezionate botaniche locali. L’esempio perfetto è costituito proprio dai gin. Sono Partito da Solo Wild Gin, distillato unicamente con ginepro selvatico sardo. Poi è arrivato Doro Aged Gin, anche in questo caso in un momento in cui i gin invecchiati o affinati in botte erano rari e dove comunque si utilizzava principalmente il legno di rovere, mentre io ho scelto quello di castagno.

Adesso è arrivato Pomo Juicy Gin: al mondo, che io sappia, esistono solamente cinque gin al pomodoro, ma questo si differenzia perché il pomodoro è sardo e anche le altre poche botaniche provengono dall’isola.

Ed è proprio di Pomo Juicy Gin che volevamo parlare: lo abbiamo assaggiato a Roma Bar Show e siamo rimasti strabiliati!

Grazie, effettivamente ha riscosso un bel successo a Roma e sono molto contento. Il pubblico ha apprezzato la nota particolare data dalla scelta di mettere in infusione il pomodoro ancora verde assieme ad altre poche botaniche sarde come l’artemisia e il timo, oltre ovviamente al ginepro locale. Le note immediatamente riconoscibili del pomodoro si uniscono a quelle del ginepro donando un sentore di macchia mediterranea davvero unico. Il pomodoro è predominante anche nel lungo finale ed è davvero piacevole.

Come è prodotto Pomo Juicy Gin?

Le bacche di ginepro selvatico sardo e le altre botaniche dell’isola vengono poste in infusione in alcol di melasso. L’infuso viene poi distillato lentamente con metodo discontinuo per circa dieci ore, tramite caldaia a vapore e alambicco in rame. Dopo la distillazione vengono infuse le bacche di pomodoro ancora verde, poi il gin è portato a gradazione, filtrato e imbottigliato.

Come mai hai scelto di utilizzare il pomodoro ancora verde per Pomo Juicy Gin?

La scelta si è basata sull’esperienza. Quando si utilizzano le parti verdi della frutta, i prodotti non ancora maturi, si ottengono profumi più spiccati perché man mano che aumenta lo zucchero diminuisce la carica aromatica. Anche per le uve è così, la si raccoglie ancora acerba per produrre vini più aromatici, freschi e dalla spiccata acidità.

La scelta di utilizzare ingredienti sardi ha reso più semplice o più difficile lo sviluppo delle ricette dei gin?

In realtà questa scelta ha reso tutto più semplice, proprio grazie alla qualità delle materie prime, oltre alla reperibilità locale. Tutte le ricette sono state sviluppate con Elio Carta, la cui esperienza e bravura sono indiscusse. In certi casi ci è voluto più tempo e abbiamo dovuto fare più prove, in altri molto meno. Quella di pomo Juicy Gin è stata una mia intuizione: assaggiando altri gin al pomodoro ho proposto di sviluppare il prodotto con botaniche sarde e la scelta si è rivelata giusta e vincente.

Come mai invece hai scelto come base l’alcol di melassa?

L’alcol di melassa può essere consumato senza problemi anche dai celiaci. Tutti i miei prodotti ora si basano sull’alcol di melasso, anche quelli precedenti, perché ho voluto convertire l’intera linea al gluten free.

Qual è il tuo cocktail preferito?

Non è una domanda facile. Mi piace molto il gin Tonic, ma il cocktail Martini ancora di più.

Qual è il modo in cui preferisci bere Solo Wild Gin, Doro Aged Gin e Pomo Juicy Gin?

Premetto che per me sono come figli e non ho un preferito rispetto agli altri. Sono tutti gin particolari che in miscelazione richiedono di essere lavorati con cura. In generale per Solo Wild Gin consiglio il Gin Tonic e lo ritengo adatto a diversi momenti della giornata, mentre Doro Aged Gin lo vedo più come un after dinner e mi piace molto nel Martini, ovviamente insolito visto l’affinamento del gin in botte di castagno. Pomo Juicy Gin invece mi piace come aperitivo, pre-dinner, anche in questo caso in un Martini particolare, con olive, una goccia di Tabasco e la salamoia delle olive al posto del vermouth.

Leggi la scheda di Pomo Juicy Gin nell’Enciclopedia del Gin

Acquista Solo Wild Gin

Acquista Doro Aged Gin

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati