By The Dutch Dry Gin, un gin speciale e tre ricette esclusive

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Un ottimo dry gin olandese in tre proposte di miscelazione: twist su alcuni grandi classici creati in esclusiva per ilGin.it da Paolo Cesino

By The Dutch Dry Gin viene prodotto a Schiedam in una delle più importanti distillerie storiche dell’Olanda. Nel design e nel sapore questo gin racconta il suo legame con il genever, il distillato tipico dei Paesi Bassi senza il quale il gin non sarebbe mai stato inventato così come oggi lo conosciamo.

By The Dutch Dry gin, provalo on the rocks e in ogni tipo di miscelazione!

Le botaniche raccontano la storia della Compagnia delle Indie Olandese e sono Ginepro, Coriandolo, Cannella, Scorza di Limone, Arancia Rossa, Noce Moscata, Cardamomo e Alloro. Esse vengono messe a macerare separatamente per estrarre al meglio gli oli essenziali di ognuna. L’alcol base utilizzato è miscelato con maltwine, lo spirito tipicamente utilizzato per il genever. Esso conferisce una particolare nota di malto molto leggera al gin e dona quella morbidezza che perfettamente bilancia il gusto secco di By The Dutch Dry Gin e ammorbidisce l’alta gradazione (42,5°). Mentre al naso prevalgono malto, alloro, noce moscata e infine gli agrumi, al palato è il ginepro a fare da re, magistralmente bilanciato dalle altre botaniche. Le caratteristiche organolettiche di questo gin lo rendono adatto a ogni tipo di miscelazione e lo consigliamo quindi vivamente sia nei cocktail classici sia come base per i vostri esperimenti a base gin. Per darvene prova vi proponiamo tre varianti su tre grandi classici create dal bartender Paolo Cesino. Si ringrazia per la location il Very Nice di Bologna (via San Vitale 26).

By The Martinez (bartender: Paolo Cesino)

By The Martinez

Una twist sul classico Martinez di ispirazione giapponese, sostituiamo infatti il vermouth con il sakè e diamo il tocco di dolcezza con la granatina ai frutti rossi al posto del Maraschino. La ricetta IBA prevede l’utilizzo di dry gin oppure di genever e quindi By The Dutch è perfetto perché si tratta di un dry gin dalla base maltata simile a quella dei genever. Le foglie di Sakura utilizzate come garnish non costituiscono una semplice decorazione, poiché si consiglia di mangiarle durante la degustazione del cocktail per avere una nota acida in bocca che si accompagna bene col gusto del drink.

Ingredienti:

  • 4,5cl By The Dutch Dry Gin
  • 3,5cl Sakè
  • 1 barspoon di granatina ai frutti rossi
  • Profumo di fiori di ciliegio
  • Garnish: Foglie di Sakura

Bicchiere: Poke Bowl giapponese.

Tecnica: Throwing.

Mettere un cubone grande di ghiaccio nella poke bowl. Effettuare il throwing degli ingredienti poi versare nel bicchiere con il ghiaccio. Decorare con una o due foglie di Sakura.

Dutch & Tonic (bartender: Paolo Cesino)

Dutch & Tonic

Una variante del Collins o un gin tonic alternativo, in ogni caso un cocktail incredibilmente dissetante grazie alla perfetta unione tra morbidezza e note secche di by the Dutch Dry Gin e il tocco unico dato da un goccio di cordiale al rabarbaro e dai germogli di pisello. Anche in questo caso si consiglia di mangiare il germoglio quando si arriva a circa metà della bevuta. Garantiamo un risultato sorprendente!

Ingredienti:

  • 4,5cl By The Dutch Dry Gin
  • 1cl cordiale al rabarbaro
  • 12cl acqua tonica dry bitter
  • Garnish: una scorza di limone e germogli di pisello

Bicchiere: Tumbler alto o copa balòn

Tecnica: Build.

Mettere il ghiaccio nel bicchiere poi aggiungere il gin, il cordiale e infine l’acqua tonica. Mescolare con delicatezza e guarnire con una scorza di limone e qualche germoglio di pisello.

King’s Day Negroni (bartender: Paolo Cesino)

King’s Day Negroni

Ed eccoci ad un’altra variante di un grande classico, il nostro amato negroni che quest’anno compie cento anni. Per chi preferisce i sapori amaricanti questo è il cocktail perfetto. By The Dutch Dry Gin è davvero l’ideale per il Negroni, sia nella versione classica sia in ogni variante! In questo caso l’uso di un liquore tipo Cynar dà la giusta nota di amarezza, mentre la fetta di arancia scottata profuma deliziosamente il cocktail.

Ingredienti:

  • 3cl By The Dutch Dry Gin
  • 3cl Liquore ai carciofi
  • 3cl Bitter Campari
  • Garnish: Arancia scottata

Bicchiere: Old Fashioned

Mettere un cubone grande di ghiaccio nel bicchiere. Con un cannello da cucina scottare una fetta d’arancia. Versare gin, liquore e bitter nel mixing glass con ghiaccio e mescolare in modo da miscelare gli ingredienti, raffreddarli e diluire il drink. Strain (versare filtrando) nel bicchiere con il cubone di ghiaccio e guarnire con la fetta di arancia scottata.

Approfondimenti:

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2019 - ilGin.it Tutti i diritti riservati