Ricette

Il drink vincitore di Roku Shun Competition, O'Tama Tokio/Palermo, di Christian Costantino

Vanessa Piromallo
June 20, 2021

Da Messina il drink di Christian Costantino vincitore della Roku Shun Competition: ecco la ricetta e la storia di questo cocktail.

O’TAMA TOKYO/PALERMO

di Christian Costantino, head bartender del Marina Del Nettuno Lounge Bar di Messina.

Ingredienti:

  • 40 ml Roku Gin
  • 40 ml Cordiale di Primavera homemade
  • Sale
  • Fill di gassosa siciliana

Bicchiere: ceramica con foglie dipinte a mano
Garnish: skeleton leaves

Preparazione:

Per preparare il Cordiale di Primavera: portare a ebollizione 350 ml di acqua, aggiungere 80 gr di asparagi e lasciare a bollire per 10 minuti. Spegnere il fuoco, aggiungere del tè Jasmine Green, dei fiori Sucameli, 40 ml di miele di ciliegio, 10 ml di aceto di mele, lasciare in infusione per 5 minuti e filtrare.

Il drink si prepara con la tecnica build on ice: versare il Roku Gin, il cordiale e la gassosa direttamente nel bicchiere con del ghiaccio, aggiungere un pizzico di sale, miscelare e servire con guarnizione di skeleton leaves.

O’TAMA TOKYO PALERMO di Christian Costantino (1)

IL DRINK:

Il drink O’Tama Tokyo/Palermo, del bartender siciliano Christian Costantino ha vinto la Roku Shun Competition 2021. Come accompagnamento al drink vengono serviti gli asparagi usati nella preparazione del cordiale, ancora bagnati di tè, aceto di mele e miele, saltati in padella con aglio, mollica e mandorle, serviti croccanti e decorati da foglie di fiori Sucameli. Si racconta, tra verità e leggenda, che nel 1878, durante la leggerezza della Primavera, in un paesino giapponese vicino Tokyo, uno scultore siciliano, Vincenzo Ragusa, durante una passeggiata a cavallo, fu colpito dalla bellezza di una ragazza che dipingeva all’aperto. Era la diciassettenne O’Tama, che, disinvolta in giardino, dipingeva un ventaglio. Nello stile, poco realistico, di O’Tama, Ragusa trovò il coraggio per esternare il proprio amore, proponendole dei soggetti più realistici da studiare. Le riempì il giardino di cigni, anatre, pesci d’acqua dolce e caprifogli: soggetti ideali per portare un’evoluzione artistica alla pittura della ragazza. “C’è un tempo bellissimo, tutto sudato, una stagione ribelle, l’istante in cui scocca l’unica freccia che arriva alla volta celeste e trafigge le stelle”, come un amore ‘raccolto’… Come secondo il concetto di ‘Shun’, solo quando è il momento migliore, quando sboccia un amore! Quando l’artista dovette far ritorno a Palermo, lei lo seguì in nome dell’amore e della loro arte, che divenne un connubio tra scultura siciliana e pittura giapponese, in una nuova fioritura. Fu così che la loro vita divenne un romanzo.

Christian Costantino, Head Bartender del Marina Del Nettuno Lounge Bar di Messina

Il drink O’Tama Tokyo/Palermo racconta proprio lo ‘shun‘ della loro storia d’amore, la leggerezza della primavera vissuta dai due artisti, e tutte quelle successive vissute sulle coste siciliane. I ‘Caprifoglio Giapponesi’ che abbellirono il giardino, soggetti dei quadri di lei, sbocciano proprio in primavera, usanza vuole che vengano colti dai contadini accaldati durante il lavoro nelle campagne e succhiati dalla parte del gambo, per il loro succo aspro e idratante. Così si usa in Sicilia con i fiori di ‘acetosella gialla’, chiamati in dialetto ‘Sucameli‘, sostituiti spesso al limone in cucina, con il loro sapore di agrumi e aceto, quell’acido e aspro divertente scolpito nei ricordi d’infanzia. Si narra anche che se gli asparagi in sogno simboleggino l’amore passionale, così come quello dei nostri amanti. La loro piena maturazione in Sicilia avviene proprio a cavallo della primavera e, come un vero amore, vanno raccolti subito. Il miele, la dolcezza di un amore, profumato di ciliegio, festeggiato così come in Sicilia si festeggia il mandorlo in fiore. Le note erbacee e floreali del tè, la punta di aceto di mele. Perché l’uso del Roku Gin? Nel 1879, O’Tama fu la prima donna giapponese, modella di uno scultore europeo e fu proprio Ragusa a scolpirne, innamorato, i lineamenti. Mentre quell’opera fioriva, nello stesso anno nasceva Shinjiro Torii, fondatore della distilleria che nel 1963 sarebbe diventata Suntory. Tre anime simili, con lo stesso sogno: quello di esportare, chi con la pittura, chi con la scultura e chi con la distillazione, la propria cultura fuori confine, sovvertendone le regole. “Un giorno il gin giapponese sarà amato in tutto il mondo“, prefiggeva Shinjiro, e così è stato! E lo è stato anche per l’arte. Nel 2017 è arrivato lo ‘Shun‘ di queste tre anime, accomunate da un sogno durato 100 anni, il momento di raccolta, a piena maturazione e, mentre a Palermo nasceva la prima antologia italiana dei due artisti, a Osaka nasceva Roku Gin.

Lascia un commento

Conferma

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News