I barman? Noi li preferiamo in carne e ossa

I barman? Noi li preferiamo in carne e ossa

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Arriva il barman robot, ma la nostra Gin Lady preferisce la magia che solo un barman in carne e ossa sa creare, voi cosa ne dite?

Non è una novità, è da tempo che si parla dei barman-robot. Un recente video di uno dei più famosi siti di informazione ha dato nuovo risalto al Makr Shakr, un prototipo tutto italiano – torinese per la precisione – capace di miscelare e shakerare dopo un click sul telefonino, con cui il cliente sceglie il proprio drink attraverso l’apposita app. Si può far riferimento alla drink list oppure richiedere al robot perfino un cocktail customizzato, purché realizzato con le referenze presenti nella bottigliera sul tetto, che sono 170. Il braccio meccanico poi fa il resto, servendo il cocktail.

Quello del barman non è un mestiere meccanico, non è una catena di montaggio

Il Barman Robot

Il Barman Robot

Non senza, a vedere il video, qualche netiquette, come il liquido del miscelato che va ovunque per via dell’eccessiva veemenza del barman-robot, per non parlare degli orribili bicchieri di plastica con cui viene servito il drink nel video, che sembra di stare in una discoteca di quart’ordine.

Le piccole netiquette come queste si suppone che si possano correggere con un’avvitata e una registrata di bulloni qua e là, ma sono molte le cose che, a mio avviso, questo novello Hal della miscelazione non potrà mai fare. Prima di tutto, dare al cliente un’esperienza, che è ciò che chi sta dietro al bancone si sforza di fare ogni giorno. Un sorriso anche nei giorni storti, una parola buona, una spiegazione del drink, un orecchio per ascoltare le richieste e qualche volta le paturnie di chi sta dall’altra parte.

Più di una volta abbiamo raccontato su queste pagine la magia del tempo trascorso seduti agli sgabelli vedendo come si muovono i barman, facendoli diventare professori o confessori, a seconda di come ci si sente in quel momento o di chi si ha davanti. Il bello di frequentare un locale un po’ più spesso è di sapere che il barman ci chiederà: “il solito?”. Senza contare la fantasia, perché non ci sarebbero decine e decine di competition in tutto il mondo fra barman se non ci fossero nuovi cocktail da inventare, nuove tecniche da mostrare, nuove idee da condividere.

E invece una macchina che cosa ti può dare? Probabilmente un servizio veloce, una bottigliera abbastanza ben rifornita che si può magari anche ampliare, uno spettacolino divertente la prima volta che lo vedi. Però dalla seconda volta in poi è tutto già visto, meccanico appunto, come solo un robot sa essere.

Quello del barman non è un mestiere meccanico, è tutto fuorché una catena di montaggio. Guai se lo fosse! Lasciamo che i nerd si divertano a mostrarci cosa sono capaci di costruire, magari gli auguriamo anche di venderne qualcuno, ma per favore non invadete i nostri bar. A noi piacciono i barman in carne e ossa!

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2018 - ilGin.it Tutti i diritti riservati

711a0c75a3ba6be1bb3aa637b440f019,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,