Scoperta la truffa del “primo gin di Hong Kong”

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Pubblicato in

il

Handover Gin riporta in etichetta: “distillato e imbottigliato presso Hong Kong Distillery”, ma la distilleria non è attiva ed è priva di licenza…

Poche settimane fa la polizia doganale di Hong Kong ha ispezionato a sorpresa la sede di Handover Gin, pubblicizzato come “il primo gin di Hong Kong” e hanno scoperto la truffa: il gin è in realtà prodotto in Nuova Zelanda. La Hong Kong Distillery diceva di essere la prima distilleria artigianale della città e nel 2014 ha annunciato il suo Handover Gin presentando un progetto che avrebbe dovuto includere l’iter burocratico per l’apertura della distilleria con tanto di consulenza esterna e lo sviluppo della ricetta del gin. Inoltre nel 2018 l’azienda aveva anche lanciato una campagna di crowdfunding per l’espansione del sito produttivo, ma non ha raggiunto la cifra preventivata.

La circolazione di prodotti privi di etichetta e la dichiarazione del falso in etichetta sono due reati molto gravi

Il fondatore dell’azienda, Steven Newton, di origini neozelandesi, si definisce un distillatore artigianale con lunga esperienza. Eppure le indagini svolte hanno portato alla luce le prove che la Hong Kong Distillery non possiede una licenza valida e che il gin è prodotto da un’altra azienda in Nuova Zelanda. Gli agenti hanno constatato che l’alambicco all’interno del sito non viene usato da moltissimo tempo e probabilmente serviva solamente come facciata promozionale.

HK Distillery (Fonte: The Drink Business)

L’indagine è iniziata quando la polizia doganale ha intercettato una spedizione di 1.557 bottiglie di gin prive di etichetta provenienti dalla Nuova Zelanda. Sono proprio gli agenti neozelandesi ad aver scoperto il carico sospetto. Il solo fatto di far circolare un prodotto privo di etichetta è un reato in sé, punibile con una multa e fino a due anni di carcere. Il secondo reato commesso è quello di aver dichiarato il falso in etichetta, infatti le bottiglie venivano etichettate a Hong Kong con la dicitura “Primo Gin di Hong Kong – distillato e imbottigliato presso la Hong Kong Distillery”. Oltre a una multa la pena per la violazione della Trade Descriptions Ordinance arriva a cinque anni di carcere.

L’indagine è ancora in corso in quanto le prove sono schiaccianti per quanto riguarda gli ultimi sei mesi di attività, ma non è certo se questi reati siano stati commessi anche negli anni precedenti oppure no. Nel frattempo il quarantenne Steven Newton e la fidanzata ventinovenne sono stati arrestati, mentre l’alambicco e 1.332 bottiglie di gin sono stati confiscati e il prodotto è stato tolto dal commercio.

Le distillerie di Hong Kong dotate di regolare licenza sono solamente cinque, due di queste producono gin, Two Moons e N.I.P. Ottenere una licenza è un processo molto lungo e difficile e la produzione in loco è costosa in quanto tutti gli alcolici con una gradazione superiore al 30% vol. sono tassati al 100%. Sono dunque solamente queste due aziende a produrre realmente gin a Hong Kong, mentre altri prodotti come Perfume Trees Gin, Gwei Lo Gin, Bauhinia Gin and HKG Gin si ispirano a questo luogo ma la produzione avviene altrove.

 

Fonte:

Share on Facebook Tweet about this on Twitter Share on Google+ Pin on Pinterest Email this to someone

Non ci sono ancora commenti


Condividi la tua opinione!

La tua email non verrà pubblicata.

© 2015-2020 - That's The Spirit SRL - PI/CF 03553861208 - Tutti i diritti riservati