Recensioni

Noon Jungle Gin: mi ritrovai in una selva… di limoni!

Vanessa Piromallo
December 21, 2022

La magia di Noon Gin si arricchisce del gusto e dei profumi del limone verdello nel nuovo Noon Jungle Gin: ce lo racconta Walter Pirotti...

Non Gin ci aveva conquistato già anni fa con le sue note floreali e il gusto secco e oggi il suo creatore, Walter Pirotti, torna alla carica per conquistarci con una nuova versione dagli inebrianti sentori di limone: Noon Jungle Gin. Lo abbiamo intervistato per farci raccontare il suo nuovissimo e profumatissimo gin agrumato.

noon jungle gin

Ciao Walter, come nasce Noon Jungle Gin?

Noon Jungle nasce per diverse motivazioni. Avevo l’esigenza di ampliare la gamma delle referenze Noon e, proprio partecipando a un evento organizzato da voi a Bologna ho potuto notare quante persone fossero attratte proprio dai sentori agrumati nel gin. Lidea specifica che sta dietro alla creazione di Jungle invece nasce per caso, l’ispirazione arriva quando meno te lo aspetti, e nasce in seguito a un viaggio, come spesso accade con il gin.

Finito il lockdown il mio primo viaggio è stato in Sicilia, a Siracusa, in un giardino dell’antica Neapolis, nel Parco Archeologico. Qui sono rimasto esterefatto dal limoneto e mandarineto, una vera e propria foresta dal profumo capace di pervadere tutto completamente: un luogo di grande bellezza e impatto fortissimo. Ho pensato che questo profumo sarebbe stato benissimo in un gin. Ho rotto tra le dita una foglia di un albero di limoni e si è sprigionato l’aroma di limone e clorofilla e mi sono reso conto che è possibile ottenere sentori simili a quelli della lemongrass utilizzando un ingrediente nostrano. Appena tornato a casa, ho subito cominciato a sperimentare!

Come è prodotto Noon Jungle Gin?

La base è la stessa di Gin Noon, al quale è aggiunta post distillazione l’infusione di foglie e bucce di limoni verdelli. Si tratta della terza fioritura dei limoni, l’aspetto è di piccoli lime verdi, ma all’interno sono maturi e hanno un profumo intenso.

Il colore blu-verde del liquido è del tutto naturale, dato dall’unione dell’infusione di Butterfly Pea Flower che è azzurra e da quella dei limoni che è gialla. Anche in questo caso, con l’aggiunta dell’acqua tonica, il gin cambia colore.

La qualità del gin distillato, il London Dry di base, è la stessa di Noon Gin, data dall’esperienza del master distiller Charles Maxwell della Thames Distillery di Londra. Anche l’infusione dei limoni è di altissima qualità, non voglio niente di meno. I frutti sono selezionati e sbucciati a mano in modo attento e artigianale.

Provalo subito

Come hai cambiato il packaging per questa nuova versione agrumata?

Il nome Jungle si riferisce alla “giungla” di limoni che ha ispirato questo gin e all’uso della foglia di limone, il cui motivo è ripreso nella grafica dell’etichetta e nel colore verde della bottiglia, graduata come quella di Noon. Anche in questa etichetta sono riportate tutte le botaniche divise tra quelle distillate e quelle infuse, in modo che funzioni come una scheda tecnica del gin: vedendola il consumatore capisce esattamente come sia fatto.

Vai su GinShop

Quali cocktail consigli?

Ho sempre consigliato di provare Noon Gin nel Gin Tonic e nel Martini, che è la morte sua. Per Noon Jungle Gin invece, oltre al Gin Tonic, consiglio vivamente il Negroni: la parte agrumata viene perfettamente supportata dalla parte amaricante di questo cocktail sia nella ricetta classica sia nel Negroni Bianco.

Funziona poi benissimo nel French 75 e in tutti i drink con base di limone come il White Lady.

Acquista

Hai altre novità da proporci in futuro?

Arriveranno sicuramente nuove referenze che completeranno la gamma Noon, quindi preparatevi!

A inizio 2023 sono pronto con il lancio delle Magnum Refill da due litri che costeranno meno e potranno essere utilizzate per riempire le bottiglie vuote in modo da ridurre lo spreco del vetro.

Inoltre, il prossimo, quello che è adesso il progetto pilota dei Gin Tonic pronti da bere in lattina si evolverà grazie ad una partnership molto interessante: ne vedremo delle belle!

Lascia un commento

Conferma

Esplora la nostra
Enciclopedia

Ricette

News